20 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.24
Palermo

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DELLA RAP

A Bellolampo l’emergenza continua, ma Norata rassicura: “Soluzione vicina”

17 Settembre 2019

Continua ad essere un tema molto caldo quello della situazione di Bellolampo. La discarica di fatto è chiusa da qualche mese, cosa che non era mai successa da decenni nel capoluogo siciliano, ovvero dagli anni ’70. I rifiuti continuano ad essere accatastati all’interno dell’impianto. Quindi Rap cerca da settimane di spostare in altre discariche siciliane l’immondizia.

Oggi pare che arrivino i primi segnali che fanno intravedere qualche responsabilità in merito a questa vicenda. L’Oikos ha ricordato che  “il rinnovo da parte della Regione dell’Autorizzazione integrale  ambientale (Aia) è giunto dopo un confronto anche con gli Enti  territoriali” che, “direttamente o indirettamente”, sono stati  “coinvolti” e “hanno potuto manifestare le loro posizioni formulando i loro rilievi nel più ampio e garantito contraddittorio”.

La società ha “ribadito che l’impianto di discarica è quotidianamente monitorato dai professionisti” e che su questo l’Oikos deve “rendere conto agli organi pubblici che assolvono alla tutela dell’ambiente e mi riferisco, in particolare, all’Arpa, l’Agenzia pubblica preposta alla protezione ambientale”.

Proprio la situazione tra Arpa e Comune che in questi giorni è stata al centro di un dibattito acceso tra le due istituzioni sembra essere più tranquilla. “Con Arpa Sicilia abbiamo chiarito i rilievi sulla proposta di ordinanza che dovrà firmare il sindaco Leoluca Orlando, che riguarda Bellolampo, e abbiamo concordato il percorso da intraprendere: nel pomeriggio nella sede del Dipartimento acqua e rifiuti ci sarà un nuovo incontro e mi auguro che la situazione si sblocchi definitivamente“. Lo dice Giuseppe Norata, amministratore unico di Rap, sull’emergenza che riguarda la massa di rifiuti portata nei piazzali di Bellolampo.

Giuseppe Norata - Rap
Giuseppe Norata – Rap

“Abbiamo richiesto alla Regione – spiega Norata – di avere assegnati più spazi negli impianti siciliani. Inoltre, oggi ho fatto partire una diffida a tutti gli impianti dell’isola individuati nei decreti, in ottemperanza a quanto previsto dalla Regione, affinché ricevano i rifiuti trattati a Palermo superando eventuali intoppi burocratici. L’obiettivo – prosegue – è ridurre la quantità di rifiuti da portare fuori dalla discarica di Bellolampo in modo da realizzare economie rimodellando la chiusura della sesta vasca”. Norata aggiunge che la Rap punta “all’ampliamento dell’impianto di compostaggio che proprio ieri ha raggiunto i limiti di quantità autorizzata dalla Regione. La quantità di rifiuti è stata lavorata in 9 mesi – evidenzia – abbiamo in sostanza anticipato la lavorazione di tre mesi e quindi avremo spazio per occuparci del compostaggio fino al 31 dicembre di altri rifiuti organici che in città per fortuna si producono in maniera differenziata. Ritengo che con il passaggio finale del pomeriggio si possa sbloccare questa situazione”.

Proprio Giuseppe Norata continua a gettare acqua sul fuoco in merito a questa emergenza che ad oggi ha dei tratti  ancora oscuri. “Creare una emergenza rifiuti in città non serviva e non serve a nessuno, piuttosto abbiamo preferito gestirla in un luogo confinato come la discarica di Bellolampo, anche per agevolare la cittadinanza”. Dice sempre Norata, che spiega le ragioni che hanno portato ad ammassare una massiccia quantità di rifiuti nella discarica alle porte di Palermo. “E’ un percorso che abbiamo condiviso con la stessa amministrazione comunale. Oggi abbiamo circa 30 mila tonnellate di rifiuti tra piazzali e corridoi, trattati e non, la situazione è certamente complessa ma noi siamo fiduciosi e speriamo che tutto possa rientrare in tempi rapidi. Confidiamo nella collaborazione delle istituzioni e dei cittadini, moltissimi dei quali serviti dalla raccolta differenziata ‘porta a porta’ – sottolinea l’amministratore di Rap – si ostinano a non differenziare i rifiuti, contribuendo con questo comportamento ad accrescere il problema di Bellolampo”.

Su questo cerca di tranquillizzare i palermitani e le istituzioni affermando che: “L’impianto di trattamento meccanico biologico, cosiddetto Tmb a Bellolampo, è aperto e nella sua piena funzionalità. E’ stato fermato ieri per un paio d’ore a causa di un problema tecnico, che può succedere in qualsiasi macchinario; il problema è stato superato con l’intervento della squadra di manutenzione interna dell’impianto”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.