A "Blue Sea Land" la mostra itinerante di "Mare Fest. Vietato Non Toccare" in ricordo di Sebastiano Tusa :ilSicilia.it
Trapani

la manifestazione in corso fino al 20 ottobre

A “Blue Sea Land” la mostra itinerante di “Mare Fest. Vietato Non Toccare” in ricordo di Sebastiano Tusa

18 Ottobre 2019

C’è anche il “Mare Fest” e il “Villaggio letterario” all’interno del ricco programma dell’ottava edizione di Blue Sea Land, la manifestazione in corso fino al 20 ottobre a Mazara del Vallo (Tp). Fra le iniziative di questa edizione, infatti, viene ospitata la mostra “Mare Fest, Vietato non Toccare”, in ricordo di Sebastiano Tusa inaugurata il mese scorso a Palermo in occasione della V° ed. della rassegna Villaggio Letterario e che ha visto protagonisti i bambini dell’Istituto Sciascia ed i bambini utenti delI’Istituto dei Ciechi Florio e Salamone di Palermo.

La mostra itinerante “Mare Fest. Vietato non Toccare” è allestita nel Collegio dei Gesuiti, messo a disposizione dal Comune di Mazara per “Blue Sea Land”.

Mare fest” è in collaborazione con il patrocinio della Regione Siciliana, in collaborazione con la Soprintendenza del Mare, con l’Unione Ciechi ed Ipovedenti della Regione Siciliana, la Stamperia Braille, la Biblioteca dei Ciechi Regina Margherita, la Federazione Italiana delle istituzioni pro ciechi onlus e si è concluso con la mostra allestita dal  28 settembre al 13 ottobre al Museo Regionale d’arte moderna e contemporanea di Palermo dal titolo “Sebastiano Tusa. Le radici profonde nel mare”.

I libri tattili ecologici che sono esposti sono stati realizzati dai bambini vedenti, ipovedenti e non vedenti guidati dall’artista Monica Saladino in collaborazione con gli organizzatori, con Pasquale Palermo, Lucia Gioviale, sono il frutto del laboratorio di braille e cinque sensi a cura di Nando Sutera e Maria Concetta Cusimano, del laboratorio di biologia marina curato da Franco Andaloro con Oriella Notaro ed Antonio Scannavino, dell’incontro sulla subacquea di Roberto Fedele e di archeologia subacquea di Antonella Testa e di Giorgia Tinnirello, del laboratorio di vulcanologia sottomarina con Franco Foresta Martin, Licia Corsale e Anna Russolillo, dei laboratori di scrittura e lettura creativa curati da Gianni Nanfa e Lucia Vincenti, dell’incontro di antropologia curato da Andrea Tusa, del documentario sul mare “Come piccole isole“ di Alberto Castiglione, dell’incontro con gli artisti dell’archivio S..A.C.S. Giacomo Rizzo e Giovanni Lo Verso.

La rassegna “Mare Fest. Vietato Non Toccare” è stata curata da Anna Russolillo, Nando Sutera, Alessandra De Caro, Licia Corsale.

Durante la manifestazione Blue Sea Land, insieme all’esposizione dei libri tattili ecologici, del pannello tattile di Mare Fest e dell’opera di Giacomo Rizzo il tutto rigorosamente Vietato Non ToccareAlessandra De Caro e Licia Corsale incontreranno i bambini di numerose scuole per diffondere la cultura del mare, dell’inclusione sociale e per ricordare Sebastiano Tusa e le sue parole “Il mare esalta ciò che in terra spesso si dimentica, soprattutto la solidarietà, le capacità e la comunanza nell’impegno“.

 

LEGGI ANCHE:

Via a Blue Sea Land 2019: ospiti eccellenti a Mazara del Vallo | IL PROGRAMMA

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.