A Borgetto si inaugura una Piazza dedicata a San Giuseppe, patrono dei lavoratori | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

per il primo maggio

A Borgetto si inaugura una Piazza dedicata a San Giuseppe, patrono dei lavoratori | FOTO

di
29 Aprile 2021

GUARDA LA GALLERY IN ALTO

La città di Borgetto, tra le più devote a San Giuseppe, dove da generazioni si tramanda l’ antica tradizione delle mense, conosciuta ben oltre i suoi confini, dedicherà una piazza al padre putativo di Gesù, nell’anno speciale dedicato a lui da Papa Francesco e nel giorno della festa che lo vede come Santo patrono di tutti i lavoratori: il primo maggio.

Sabato 1 maggio alle ore 10:00 a Borgetto, giorno della festa San Giuseppe Lavoratore, l’Arcivescovo di Monreale Monsignor Michele Pennisi celebrerà la benedizione della piazza dedicata a San Giuseppe. L’evento è stato promosso in occasione del 150° anniversario dalla proclamazione di San Giuseppe a Patrono della Chiesa Universale.

Una statua di San Giuseppe, posta in una delle piazzette del paese, è stata realizzata con il contributo della Congregazione di San Giuseppe, dell’assessore comunale al Turismo e Spettacolo Monia Jerbi e del sindaco di Borgetto Luigi Garofalo.

Nella giornata è prevista principalmente la partecipazione delle autorità religiose ed istituzionali, nel rispetto delle norme anti covid.

“Da settimane stiamo lavorando con la Congregazione per realizzare questa piazzetta in onore di San Giuseppe – afferma l’assessore al Turismo e Spettacolo del Comune di Borgetto Monia Jerbi. Un’occasione per riaffermare la fortissima devozione che la nostra comunità nutre nei suoi confronti. Per questo l’amministrazione ha accolto con soddisfazione la proposta. Nelle ultime ore è stata posizionata la statua che raffigura il Santo che tiene Gesu’ Bambino tra le braccia. Sabato la comunità di Borgetto esprimerà ancora una volta una testimonianza di fede e di vicinanza a chi soffre”.

“L’istituzione comunale e la comunità religiosa hanno lavorato insieme per realizzare quest’opera. In un momento difficile come quello che stiamo vivendo è indispensabile dare un messaggio di speranza – aggiunge il sindaco di Borgetto Luigi Garofalo. San Giuseppe è legato all’identità stessa della nostra comunità che per celebrarlo, ogni giorno si rimbocca le maniche aiutando i più deboli, non solo nel rispetto della tradizione, ma principalmente nello spirito disinteressato di fede e di solidarietà”.

“La devozione nei confronti di San Giuseppe è molto sentita dai cittadini di Borgetto che nel celebrare la sua figura rinnovano ogni anno l’antica tradizione delle mense, oltre a varie attività di aiuto ai bisognosi – conclude il presidente della Congregazione di San Giuseppe Antonio Bartellino. Quest’anno siamo nell’anno di San Giuseppe, la Congregazione si è impegnata a celebrare l’anno speciale voluto dal Santo Padre in occasione del 150° anniversario dalla proclamazione di San Giuseppe a Patrono della Chiesa Universale. Abbiamo voluto realizzare questo evento insieme a tanti cittadini che hanno contribuito”.

Nella foto 1, accanto alla statua di San Giuseppe che verrà posta in piazza, da sinistra il vicepresidente della Congregazione di San Giuseppe Francesco Amorello, il presidente della Congregazione di San Giuseppe Antonio Bartellino, l’arciprete don Rosario Armetta, l’assessore comunale al Turismo Monia Jerbi e don Gioacchino Capizzi, parroco della Chiesa madre.

Nella foto 2 la statua di San Giuseppe.

Nelle foto 3 e 4 i fedeli della Congregazione durante i lavori di realizzazione della piazza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin