A Caccamo è tutto pronto per la "Sagra della Salsiccia" :ilSicilia.it
Palermo

Il 13 ottobre

A Caccamo è tutto pronto per la “Sagra della Salsiccia” | IL PROGRAMMA

10 Ottobre 2019

La nostra tappa è Caccamo (PA), uno dei borghi medievali più suggestivi della Sicilia, per la “Sagra della Salsiccia“, che si svolgerà domenica 13 ottobre. Ai piedi del suo maestoso Castello, tra le vie del centro storico, potrete gustare la prelibata salsiccia caccamese fresca alla brace o stagionata. Un trionfo di sapori di aromi che vi avvolgeranno per tutta questa giornata all’insegna del gusto. Prima di tuffarci in questa bontà, che rappresenta e promuove il territorio, qualche curiosità su Caccamo.

Caccamo e l’origine del suo nome
Caccamo sorge maestosa su una collina a 520 metri sul livello del mare nel tratto inferiore della valle del fiume San Leonardo oggi Lago Rosamarina, ai piedi del monte Eurako o San Calogero. Sull’origine del suo nome ci sono varie ipotesi: una lo farebbe derivare dal punico-cartaginese “Caccabe“, testa di cavallo, presente nello stemma, è uno dei sedici appellativi dell’antica Cartagine d’Africa e, infatti, Caccamo è la Cartagine di Sicilia; dal greco “Kakkabe“, pernice, o “Kakabe“, calderone; dal latino “Cacabus“, pentolone; dall’arabo “Kùkum“, vaso, marmitta, e dal siciliano “Caccamu”, albero di loto. Una città ricca di storia, tradizioni, crogiolo di culture, che ha fatto tesoro delle sue potenzialità, guardando al futuro.

sagra della salsiccia 2019

La Sagra della salsiccia

La Sagra della salsiccia è un appuntamento imperdibile per i golosi di tutta la Sicilia, amanti di questa prelibatezza, che vede insaccare, sin dall’antichità, nel budello di maiale la sua carne insieme a spezie e sale, e, inoltre, è una bella occasione per conoscere questa realtà, le sue tante bellezze e bontà. La salsiccia caccamese è il frutto della maestria culinaria dei macellai locali che, dopo aver selezionato con attenzione e molta cura le carni suine migliori, le lavorano, con grande e sapiente arte, condendole con semi di finocchietto selvatico, sale e pepe, dando origine a un prodotto di grande eccezionalità e bontà.

Tra le specialità locali vi è la salsiccia asciutta, la famosa “pasqualora caccamese“, uno dei tanti prodotti Slow Food dell’isola, nato dai tagli di carne di maiale macellata durante il periodo di Pasqua e insaccata e consumata nei mesi successivi. Anche Virgilio nelle sue Georgiche la citò come “un tipo di carne tagliata in punta di coltello e macinata a fori larghi, a cui vengono aggiunti sale, pepe nero, peperoncino e semi di finocchio selvatico”.
Tante le Macellerie presenti: Antica Macelleria Canzone, I Sapori della Carne, Asap Allevamenti, Baratta Carni, la Bottega della Carne, Bontà di Carne, La Moderna “Chianca”, GS Carni,con un punto dedicato ai celiaci, in via Termitana, Macelleria del Corso, Macelleria Ventimiglia, Le Carni e i Salumi Incasavì, Macelleria Gastronomia Gullo Siragusa.

Durante questa festa del sapore, inoltre, potrete assistere a tanti eventi culturali al castello, spettacoli itineranti e musica. Anche quest’anno la ProLoco Caccamo Giorgio Ponte, il cavaliere  eletto presidente dell’Associazione Turistica Pro Loco di Caccamo l’8 aprile  1961,  partecipa con entusiasmo. La Castellana, Fiorenza Scimeca, con altre dame in costume d’epoca, accoglierà al Castello i visitatori dalle 10 alle 14. Il tema sarà appunto: “Castello di Caccamo: mito e storia con la Castellana“. Grandi protagonisti saranno, anche, il cantore Mimmo Rizzo, che racconterà significativi episodi legati alla storia del maniero e Giovanni Panzeca, il Presidente della Pro Loco, che allieterà musicalmente gli ospiti con il pianoforte della Sala Amato.

IL PROGRAMMA

Domenica 13 ottobre

Spettacoli della mattina per le vie della città

Esibizione itinerante: I Tamburinari di Caccamo, Complesso Bandistico “Città di Caccamo”, Associazione Sbandieratori “Città di Caccamo”

Via Porta Euracea 

Area giochi per i bambini:

Dalla 10 alle 20

Area dedicata ai piccoli a cura di ClownSimpaticoni.

Giochi a premi, gioco della pignatta, sculture di palloncini, pop-corn, zucchero filato.

Alle 11,30, 15,30 e 17,30

Spettacolo canino a 4 zampe a cura di Salvatore Rosso

Dalle 13, 30 alle 16

Gruppo musicale “Swing e Dintorni”

Dalle 16 alle 18

DJ set

Dalle 18,30 alle 19

Salvatore Modica direttamente da X Factor, accompagnato dal chitarrista Giovanni Buttitta

Dalle 19

Adabell in concerto

dalle 20,30

Euterpica in concerto

Area Eventi: Piazza Torina

Dalle 17,30

Musica live con “Gli Amici di Caccamo”

Area Eventi: Largo Pietro Spica

Alle 10

Apertura ufficiale della Sagra con saluto delle Istituzioni

Dalle 16 alle 20,30

Intrattenimento musicale con Nino Scorsone & fiati

Area Eventi: Piazza dei Caduti

Dalle 10 alle 18

Giusy e Francesco Live

Dalle 18,30

Duo Revolution e Giusy Cimino

Monumenti

  • Apertura del Duomo e della Chiesa della SS. Annunziata (ore 10-13-16-22)
  • Apertura del Castello Medievale e della Chiesa di San Benedetto alla Badìa: Visite guidate dalle 10 alle 22
  • Al Castello dalle 10 alle 14: “Castello di Caccamo: Mito e Storia con la Castellana” e accoglienza dei visitatori con figuranti in costumi d’epoca, a cura della Pro Loco insieme al cantore Mimo Rizzo

Buona Sagra della Salsiccia e Viva Caccamo e le sue tradizioni.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.