A Canicattini Bagni c'è il Palio di San Michele [Il programma] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Siracusa

Dal 31 agosto al 2 settembre

A Canicattini Bagni c’è il Palio di San Michele [Il programma]

di
31 Agosto 2018

La vostra Patti Holmes per questo weekend che, abbandonando agosto, abbraccia settembre, vi consiglia una passeggiata a Canicattini Bagni (SR) per festeggiare il 33° anno di vita del “Palio di San Michele“, che si svolge dal 31 agosto al 2 settembre.

Prima di tuffarci in questo turbinio di eventi, penetriamo nell’etimologia del suo nome. Canicattini Bagni deriverebbe dall’arabo Ayn-at-tin, sorgente del fango; per quanto riguarda “Bagni“, mentre per alcuni studiosi non indicherebbe la presenza di terme, ma l’appartenenza del territorio ai marchesi Daniele, signori del feudo di Bagni, per l’archeologo Santino Alessandro Cugno, autore di uno studio sui siti archeologici delle campagne acrensi e netine, invece, potrebbe evocare l’esistenza di antiche strutture termali collegate ad una stazione di sosta, ubicata esattamente a metà del cammino per Akrai, che sorgeva nei pressi dell’attuale Palazzolo Acreide, in una posizione strategica lungo l’antica via Selinuntina, dove si può ragionevolmente supporre l’esistenza di una fermata intermedia.

Secondo gli esperti di beni culturali Ray Bondin e il già citato Santino Alessandro Cugno, il territorio di Canicattini è uno dei tanti esempi di “paesaggio culturale“, secondo la definizione elaborata dal Comitato per il Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, “un’area geografica che in modo peculiare rappresenta l’opera combinata della natura e dell’uomo e nella quale il patrimonio culturale non è confinato solo nel ristretto ambito urbano, ma nei suoi spazi rurali. Natura e cultura che si incontrano e si intrecciano per formare un complesso storico, artistico e paesaggistico molto particolare e variegato“. Nato come colonia di lavoratori della terra, sono i contadini e i piccoli allevatori i protagonisti di Canicattini fino alla prima metà del XX secolo ed è per questo che il corteo in abiti d’epoca del Palio San Michele li rappresenta.

La nostra Sicilia è una scoperta continua, una terra, in ogni suo angolo, carica di energia e magia palpabili; luogo di ierofanie; di visibile e invisibile sovrapposti; di riti che affondano nella notte dei tempi, ma che resistono all’oggi pur di raccontarla e svelarla nella sua essenza e con siti archeologici, eredità delle più importanti civiltà che l’hanno abitata.

Palio di San Michele Canicattini BagniDopo essere penetrati nel tessuto di questo comune così ricco di storia, ritorniamo al Palio di San Michele” che è un appuntamento con la cultura e le tradizioni popolari siciliane che, da giugno a settembre, accompagna i canicattinesi e i suoi otto Quartieri: il quartiere chiamato Vigna ‘i Serrantinu, che prende il nome da un vigneto che era proprietà di un tale Sorrentino;  Balatazza, da balata, così chiamato per la superficie particolarmente rocciosa di quella zona nel paese; Matrice, il quartiere della Chiesa Madre “S. Maria degli Angeli”; Pizzu Muru,  dall’angolo nord-est di Canicattini Bagni; Priuolu, da prieuli, ovvero i pergolati che vi erano un tempo; Vadduni, il quartiere a ridosso della valle sottostante; San Giuvanni, dall’edicola votiva di San Giovanni Battista; Santuzzu, la piccola chiesa dedicata a “Maria S.S. Ausiliatrice” che, parrocchia dal 1932, dà il nome al quartiere che le si espande attorno. Sagre, giochi, eventi folkloristici ed escursioni negli Iblei fino alla festa di San Michele Arcangelo, il patrono, il 29 settembre. La manifestazione, promossa dal Comitato dei Quartieri, si svolge come sempre con la collaborazione e il patrocinio del Comune di Canicattini Bagni, dell’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, dell’emittente Telestar, dell’Ippodromo del Mediterraneo, del Museo Civico Tempo, dell’Associazione Aditus in Rupe, (nata nel maggio del 2017 dall’entusiasmo di giovani ricercatori ed esperti nel settore del patrimonio archeologico e culturale desiderosi di proporre percorsi di conoscenza e riscoperta dei siti archeologici), delle realtà associative e delle imprese della città.

 

Il Palio di San Michele continua ad unire le generazioni che, come se andassero alla ricerca del tempo perduto, qui ben custodito, salvaguardano e valorizzano le proprie radici culturali e popolari, attraverso la “Sfilata storica” e il “Museo sotto le Stelle“, uno spaccato storico degli usi e dei costumi della Canicattini Bagni di fine ‘800 e inizi ‘900, unendole alla devozione per San Michele. Dopo le Sagre gastronomiche dei prodotti tipici locali che dalla fine di giugno al 25 agosto hanno animato i vari quartieri, con il Palio di San Michele, vinto lo scorso anno dal quartiere Pizzu Muru, si arriva al clou delle manifestazioni: cursa che sacchi, staffetta e tiro alla fune, fondamentali per la sua aggiudicazione, e il “Torneo a coppie con asini” in via Vittorio Emanuele, che rappresenta la competizione madre che lo scorso anno ha visto trionfare il quartiere Priuolu con l’asina Valentina, protagonista, arrivando quinta su dodici regioni, anche della corsa al Palio Internazionale del Casale di Camposano (NA), dove la delegazione del Comune di Canicattini Bagni partecipa, ormai, da qualche anno in rappresentanza della regione Sicilia. Il luogo principe, in cui si aprirà questa grande festa, è il Museo Tempo che, ponte tra passato e futuro, si compone di tre sezioni: Tessuto, Emigrazione e Medicina Popolare.

Durante il “Museo sotto le Stelle” sono presenti mercatini di prodotti artigianali, allestiti dall’Associazione Creatosa di Canicattini Bagni. L’intera manifestazione, inoltre, sarà accompagnata da una serie di escursioni “Sulle tracce dell’Arcangelo Michele”, organizzate dall’Ass. Aditus in Rupe (il 2 Settembre prevista la visita a Case Vecchie “L’antro, la scala e il medioevo”). Il Museo Civico Tempo l’1 e 2 Settembre resterà aperto ed una sua delegazione rappresenterà il mestiere dell’aromatiere, che con la somministrazione di olio liti, acetoliti e picate, a base di piante o di animali, riusciva a guarire pazienti dai mali più disparati.

«Con il Palio di San Michele si chiude un’estate ricca di appuntamenti e di eventi di grande rilievo – ha dichiarato il Sindaco Marilena Micelitesi a promuovere la cultura, il patrimonio di tradizioni, ad iniziare dalla musica, e i suggestivi paesaggi e luoghi degli Iblei che circondano Canicattini Bagni. Un impegno che ha accomunato l’Amministrazione comunale e tutta la città, dalle associazioni alle imprese, ai tanti professionisti, gruppi e cittadini, che credono che uno sviluppo, puntando su queste ricchezze, è possibile».

 

PROGRAMMA

Venerdì 31 Agosto

Alle 17:30 – Museo Tempo via XX Settembre 132
Saluto Delegazione ospite, sorteggio girone giochi, intervento Autorità, Comitato dei Quartieri, Museo Tempo;

Alle 21:30 – Piazza XX Settembre
Spettacolo musicale con il gruppo folkloristico Val di Noto;

Sabato 1 Settembre

Alle 20:30 – Centro storico e Piazza XX Settembre
Apertura Museo sotto le Stelle, con centinaia di figuranti, dei luoghi, delle abitazioni, delle botteghe artigiane , del lavoro contadino, della vita, degli antichi mestieri e delle usanze locali sempre di fine ‘800 inizio ‘900.

A vivacizzare questi momenti, che hanno come ciliegina sulla torta la Sagra dei Cavatieddi, a cura del Ristorante La Divina, la musica popolare del gruppo calabrese de I Tarantuli e lo spettacolo teatrale con la dimostrazione dell’antico mestiere del puparo, a cura dell’Antica Compagnia “Opera dei Pupi” Famiglia Puglisi di Sortino.

Domenica 2 Settembre

Alle 16:30 – via Vittorio Emanuele
Partenza e Sfilata degli otto Quartieri che percorreranno le vie cittadine accompagnati da musiche popolari e carretti siciliani adornati per l’occasione. Quest’anno durante la sfilata, come assicurano gli organizzatori, sarà presente una delegazione del 103° Palio di Sant’Isidoro (Testa dell’Acqua). La sfilata rievoca l’arrivo dalle campagne dei contadini, tipico degli anni tra fine ‘800 e inizi ‘900, per onorare le feste religiose locali.

Alle 18 – via Vittorio Emanuele
Tradizionale “Torneo a coppie con asini” con l’esibizione musicale del Corpo Bandistico Città di Canicattini Bagni;

Alle 19:30 – via XX settembre
Apertura al pubblico del tradizionale “Museo sotto le Stelle” con Sagra dei Cavatieddi, a cura del Ristorante La Divina, e musica live con il gruppo folkloristico “Arte in Musica Melilli” e con Max Garaffa “L’uomo orchestra siciliano”, che si è esibito a La Corrida su Rai1.

Venerdì 14 Settembre

Alle 20 – Piazza XX settembre
“Mini Palio dei Bambini”

Sabato 15 Settembre

Alle 19 – Chiesa Madre
S. Messa e benedizione stendardi degli otto Quartieri da parte del Parroco;

Alle 20 – Campo Sportivo
Giochi del Palio con tradizionale “Cursa che sacchi”, “Tiro alla fune” e “Staffetta”, presentati da Giancarlo Cultrera “Principe Giank” e Patrizia Tidona;

Alle 23 – Piazza XX Settembre
“Notte in Piazza”, festeggiando il Quartiere vincente con lo spettacolo musicale del gruppo “I Cumpari”.

Viva Canicattini Bagni, scrigno di tesori e custode di tradizioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.