A Cassaro nel Siracusano storia e folklore con "I Tre Re sulla via dell'Olio" [Programma] :ilSicilia.it
Siracusa

Il 5 e il 6 gennaio

A Cassaro nel Siracusano storia e folklore con “I Tre Re sulla via dell’Olio” [Programma]

di
5 Gennaio 2019

Cari Watson, la vostra Patti Holmes vi accompagna a Cassaro (SR), comune UNESCO dal 2005, in cui, il 5 e il 6 gennaio, si svolge la manifestazione de “I Tre Re sulla via dell’Olio”, una delle più longeve della Sicilia, tra tradizione e folklore. Il nome del piccolo centro deriva dalla parola araba qaṣr, a sua volta dal latino castrum, cioè “castello, forte o accampamento militare”. Cassaro fu feudo di Francesco Alcassar, siracusano, governatore anche di Pantalica e, dal 1330 al 1397, vi si succedettero Giovanni, Parisio e Pietro di Cassaro.

In questa due giorni vivrete l’arrivo dei Magi a Betlemme, con degustazione di prodotti tipici iblei. La festa dei Tre Re, che vanta l’iscrizione nel registro delle eredità immateriali della Sicilia, è un’importante ricorrenza che la comunità cassarese propone, ormai da diversi anni, ai visitatori, grazie alla volontà e alla passione di diverse realtà associative e culturali, con il contributo di cittadini, che hanno scommesso sul recupero delle tradizioni locali e sul turismo ecosostenibile, per non incidere così sul bilancio comunale.

Al centro degli appuntamenti la rappresentazione dell’arrivo dei Tre Re dell’Oriente, che vede lo spegnimento delle luci del paese e la presenza della stella che illuminerà il lento cammino dei magi a cavallo, seguiti da un corteo di fiaccole. I magi, dopo aver peregrinato per le strade del piccolo borgo, arriveranno alla meta: la chiesa Sant’Antonio Abate, dove ad attenderli troveranno il Bambin Gesù.

La storia dei Magi, i misteriosi pagani, sacerdoti, saggi e astrologi, di cui l’evangelista Matteo narra «dall’Oriente» al cospetto del Figlio di David, viene da lontano. Tre sono i doni con i quali si presentano al cospetto di Gesù Bambino, riconoscendolo come sovrano universale (oro), essere divino (incenso) e umanamente mortale (mirra). Tre sono le razze umane delle quali diventano i rappresentanti e sempre tre le età dell’uomo che incarnano. Una visione profetica, che li porta a compiere il primo pellegrinaggio della storia. La loro figura fa da “ponte tra Oriente ed Occidente” e il  cammino lungo la strada dell’olio, vi condurrà tra mito, leggenda e sapori degli iblei.

PROGRAMMA

Sabato 5 Gennaio

“Notte bianca aspettando i Tre Re”

Alle 15

“ Cammino sulla via dell’olio”, visita guidata al museo civico dell’altipiano ibleo, alle Chiese, ai Monumenti con il Dott. Stelluccio Fiumara storico e studioso del nostro territorio (contributo 2 euro)

Alle 17 – Via Lanza

Apertura stand enogastronomici ed accensione dei falò

Alle 19:30 – Piazza Sant’Antonio

Workshop di tamburello siciliano

Alle 21

Circo Riccio equilibristi squilibrati in “ El Amor” spettacolo di giocoleria ed equilibrismo su oggetti

Alle 22:30

Andrea Chessari e Federica Guglielmino in “ Musica del sud Italia: Pizzica e Taranta”

Domenica 6 Gennaio

Alle 09:30 – Palazzo Carfì

“Convegno Olivicoltura di qualità: diamo valore al territorio” a cura del Dott. Agronomo Riccardo Randello e dell’ APO Catania

Alle 10:30 – Via Lanza

Apertura degli stand enogastronomici

Alle 12

Degustazione di prodotti tipici iblei a base di ricotta, carne, olive, formaggi, pane, dolci e vino locale

Alle 12:30

Spettacolo di musica folk con il maestro Peppe Zagarella

Alle 15:30 – Piazza Sant’Antonio

Spettacolo del gruppo Tamburi di Giarratana

Alle 17 – Piazza San Sebastiano

“ I Tre Re sulla via dell’olio” Rappresentazione vivente dell’arrivo dei Re Magi a Betlemme

Alle 18:30 – Chiesa di Sant’Antonio Abate

“Santa Messa dell’Epifania” celebrata dal parroco Don Alfio Gibilisco

Alle 20 – Piazza Sant’Antonio

  • Spettacolo di musica popolare con i “Canti e Cunti”
  • Visita guidata al museo civico dell’altipiano ibleo, alle Chiese, ai Monumenti con il Dott. Stelluccio Fiumara storico e studioso del nostro territorio.

Alle 15

Raduno dei partecipanti in Piazza Sant’Antonio. Iscrizioni e partenza del “cammino sulla via dell’olio” . (Contributo per la partecipazione di euro 2)

Cassaro, il 5 e il 6 gennaio, vi aspetta per un fine settimana indimenticabile.

[Foto tratte dalla Pagina Facebook del Comune di Cassaro]

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.