A Castelbuono la XX edizione del concorso nazionale di fotografia :ilSicilia.it

scadenza termini domenica 30 giugno

A Castelbuono la XX edizione del concorso nazionale di fotografia

22 Giugno 2019

Altra tappa importante, sull’iter della XX edizione del Concorso Nazionale di Fotografia Città di Castelbuono legato al “Premio giovani Enzo La Grua”, la scadenza dei termini per la presentazione delle opere, domenica 30 giugno.

Il concorso quest’anno parla di bellezza, di arte attraverso il tema della Street art che si accompagna al tema Libero e Castelbuono oggi. La strada, quindi, come palcoscenico per poter esprimere arte, dalla pittura a qualsiasi forma di spettacolo a disposizione di tutti, fuori da qualsiasi schema.

Vincenzo Cucco
Vincenzo Cucco

Vincenzo Cucco, responsabile dell’organizzazione, ha convocato per lunedì 8 luglio la commissione giudicatrice composta dallo stesso, nella qualità di presidente, da Tommaso Romano, scrittore e critico d’arte, Nuccio Vara, giornalista, Anna Fici, professoressa ass. Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi Unipa e fotografa, Giuseppe Leone, Maestro di Fotografia, Pucci Scafidi, fotografo, Letterio Pomara, photoreporter Sipa press Paris,  che avrà il compito di scegliere le opere da premiare secondo criteri tecnici ed artistici.

Le opere selezionate saranno esposte all’interno dello spazio Centro Sud, con l’allestimento curato dall’Art Director Massimiliano La Grua, dal 13, giorno dell’inaugurazione, al 21 agosto.

La premiazione si svolgerà sabato 17 agosto alle ore 19,30 nel suggestivo Chiostro di San Francesco, nel cui contesto la compagnia teatrale Fiori di Carta con la regia di Clelia Cucco rappresenterà una pieces.

La manifestazione è sostenuta dalla Presidenza, Assemblea e dall’ Assessorato al Turismo della Regione Siciliana, Università degli Studi di Palermo, dall’Accademia di Belle Arti di Palermo, dal Comune, Museo Civico di Castelbuono, Associazione D.L.F. Palermo, Cangemi Ottica, CTA Fauni Comunità Terapeutica Assistita, Ceramiche De Simone, Banca Mediolanum Espero/rivista, Printandgo e dall’imprenditoria privata castelbuonese rappresentata da Tumminello biscotti, Abbazia Santa Anastasia Agriturismo Bergi, Masseria Rocca di Gonato, Paradiso delle Madonie Hotel, Fiasconaro, Giardino di Venere / ristorante, Robert Goodman / photographer, Punto Verde piante e fiori, a cui va un sentito plauso di ringraziamento.

Il Concorso Nazionale di Fotografia Città di Castelbuono, con l’Associazione Culturale Enzo La Grua, continua a sostenere l’Associazione A Cuore Aperto Onlus, presidente professore Giovanni Ruvolo, Direttore U.O.C. Policlinico Tor Vergata di Roma, per l’iniziativa “Un cuore per Ipogolo” in Tanzania (articolo SOS Tanzania nel sito www.fotoconcorsolagrua.it.).

Tutti i dettagli per la partecipazione sono contenuti nel regolamento che può essere visionato e scaricato direttamente dal sito www.fotoconcorsolagrua.it, nella sua nuova veste espositiva.

info: dott. Vincenzo Cucco – cell. 3294516427 – cucco@fotoconcorsolagrua.it

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.