20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.36
Messina

il 28 dicembre alle ore 18 nella Chiesa madre

A Castelmola tornano i ciaramiddari: la vera colonna sonora del Natale siciliano | VIDEO

24 Dicembre 2018

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Castelmola (ME) torna la magia del Natale e si rinnova l’appuntamento con un maxi raduno di oltre 50 zampognari (o “ciaramiddari“, come tiene a precisare il sindaco Orlando Russo) , provenienti da diverse zone della Sicilia e coordinati dal maestro ‘ciaramiddaruGiuseppe Carpita.

Gli esperti suonatori dell’antico strumento si riuniranno il 28 dicembre alle ore 18,00 nella Chiesa madre dell’incantevole borgo turistico che si affaccia su Taormina, dove daranno vita ad un suggestivo concerto natalizio. Si tratta di un’iniziativa che dà lustro a una tradizione siciliana molto sentita da queste parti e che quest’anno giunge alla quinta edizione.

I ciaramiddari ogni Natale regalano al borgo di Castelmola una calda atmosfera, grazie al dolce suono della zampogna, antico strumento che fa tornare alla mente la notte in cui a Betlemme nacque Gesù. Una magia che si rinnova e anche quest’anno si riconferma attrattiva vincente, con l’imperdibile sfilata degli zampognari per le vie del borgo medievale per diffondere i suggestivi e tradizionali suoni natalizi e farli entrare in ogni casa. Perché Natale vuol dire famiglia, amore e voglia di stare insieme e proprio in questa ottica che rientra questa iniziativa, perché a Natale nessuno deve sentirsi solo.

itw cammaroto orlando russoAd accogliere i “ciaramiddari” ci sarà il sindaco, Orlando Russo, e insieme a lui l’assessore al Turismo, Eleonora Cacopardo, e il presidente del Consiglio comunale, Massimiliano Pizzolo. “Si tratta di un momento molto sentito che va oltre la tradizione – evidenzia il sindaco Russo – e diviene un importante appuntamento culturale per la comunità della nostra cittadina. E’ un momento molto simbolico e suggestivo, che in questi anni è sempre stato molto apprezzato dalla gente e che certamente saprà suscitare anche stavolta una grande attenzione. Ed è proprio la grande considerazione e il rispetto che c’è per queste tradizioni ci sprona a fare sempre meglio”. 

Quest’anno Castelmola è grande protagonista del periodo natalizio nella zona ionica grazie a varie iniziative come il tradizionale “Presepe vivente recitato”, tradizionale attrattiva del borgo e – dal 22 dicembre al 6 gennaio – “Castelmola, i Sapori del Borgo“, evento inedito incentrato sui sapori antichi con degustazioni di prodotti tipici a km zero e i classici prodotti della nostra tradizione natalizia (zeppole, crespelle, pane condito, vino locale).

Castelmola, i sapori del borgo“Castelmola, i sapori del borgo” è il titolo e tema di un’iniziativa sostenuta dall’Assessorato Attività produttive, nell’ambito del piano promozionale 2018 per le imprese siciliane, che vedrà protagoniste diverse aziende siciliane, provenienti non soltanto dal territorio ionico ma anche da altri centri delle province di Messina, Catania e Ragusa.

Il gusto nuovo di antiche tradizioni in uno dei borghi più belli d’Italia sarà l’interessante leit-motiv di una manifestazione caratterizzata dal coinvolgimento delle attività economiche legate al settore artigianato, agroalimentare, zootecnico e biologico. Nell’occasione saranno impegnate una decina di aziende che proporranno la degustazione dei prodotti tipici arricchendo così le giornate del “Presepe vivente”, nel periodo compreso tra Natale e l’Epifania. Saranno allestiti lungo le vie del Borgo e nelle piazze principali punti di degustazione (frittelle, crespelle, dolci tipici, pane condito, miele, formaggi e vino locale etc).

Gusto e tradizione in un perfetto connubio di emozioni per festività da non perdere a Castelmola.

 

LEGGI ANCHE:

Ritorna a Castelmola il “Presepe vivente recitato” | Fotogallery

Gusti e tradizioni: a Castelmola i “Sapori del borgo”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.