A Catania città blindata per il G20 :ilSicilia.it
Catania

l'evento

A Catania città blindata per il G20

di
22 Giugno 2021

E’ una città blindata, Catania, che in tarda mattinata accoglie le delegazioni del G20 e si appresta a vivere la due giorni del forum internazionale che riunisce le principali economie del mondo. I Paesi che ne fanno rappresentano più dell’80% del PIL mondiale, il 75% del commercio globale e il 60% della popolazione del pianeta. Istruzione e lavoro sono i temi delle riunioni ministeriali in programma – oggi e domani – al Monastero dei Benedettini, una delle sedi dell’Università di Catania. Partecipano Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, India, Indonesia, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sud Africa, Turchia e Unione Europea. A questi si aggiunge la Spagna, che e’ un invitato permanente del G20.

Quest’anno (fino al 30 novembre) la Presidenza è’ dell’Italia.
Oggi, il programma prevede alle 14, l’arrivo delle delegazioni; alle 14.30, l’inizio della sessione ministeriale congiunta Istruzione-lavoro; sempre alle 14.30, gli interventi del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Andrea Orlando e del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi; alle 14.40, le presentazioni delle organizzazioni internazionali; alle 14.55, l’intervento del gruppo engagement Y20 e delle parti sociali B20 e L20; alle 15.05, le osservazioni dei presidenti delle organizzazioni regionali di Unione africana, Nepad, Asean; alle 15.20, lo scambio opinioni tra ministri G20 su transizione da scuola al lavoro e alle 16.50, l’adozione della dichiarazione ministeriale congiunta su transizione da scuola al lavoro con i due ministri Bianchi e Orlando. I lavori della plenaria saranno a porte chiuse.

Durante la Sessione Ministeriale dell’Istruzione, i ministri dell’Istruzione del G20 avranno l’opportunità di condividere interventi e strategie messi in campo durante l’emergenza pandemica, per favorire una maggiore resilienza dei sistemi di Istruzione, garantendo a ogni studentessa e a ogni studente un’educazione di qualità, con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno. La sessione si concluderà con una conferenza stampa e le dichiarazioni del ministro Patrizio Bianchi, nell’Auditorium del Monastero dei Benedettini a partire dalle 17.20. Tanti i giornalisti accreditati, italiani e stranieri, che per tutta la durata dei lavori, avranno disposizione un Media Center nell’Ala Ovest del Monastero dei Benedettini. Oggi pomeriggio, in concomitanza con la prima riunione ministeriale, è prevista la protesta da parte degli antagonisti – come fanno sapere gli organizzatori – contro le politiche estrattive ai danni delle generazioni future’.

Alle 16, il corteo di manifestanti a cui hanno aderito associazioni, movimenti e semplici cittadini – partirà da piazza della Repubblica. La protesta è promossa da ‘Generazioni Future Sicilia’ che scenderà in piazza a sostegno del Fridays For Future Catania, il movimento per la salvaguardia del Pianeta che ha radunato bambini/e, ragazzi/e di tutto il mondo, sfidando “coraggiosamente i potenti della Terra nella fortissima richiesta di giustizia climatica. Oggi, ad alta voce – spiegano gli organizzatori – e con le modalità della protesta pacifica che li caratterizza, chiediamo più protagonismo e coinvolgimento nelle scelte che li riguardano, più istruzione in termini di accesso ai saperi, attenzione alle politiche di un lavoro che sia dignitoso, interventi a favore dei popoli più poveri della Terra che subiscono il saccheggio delle loro risorse, per poi subire gli effetti devastanti del global warming”.

Domani, nella seconda giornata dei lavori del G20, il focus è sul tema del lavoro. A partire dalle 9.30, è in programma la riunione ministeriale del Lavoro con il ministro italiano Andrea Orlando e gli omologhi degli altri Paesi. Al termine della sessione, la conferenza stampa finale della Riunione Ministeriale Lavoro si svolgerà in presenza nell’Auditorium del Monastero e in modalità virtuale, con inizio alle ore 16.30 alla presenza del ministro Andrea Orlando.

“Lavorare e formarsi non saranno due sezioni separate dell’esistenza di una persona, ma dovranno essere due elementi che si intrecciano sempre più spesso”. Lo ha detto il ministro Andrea Orlando, a Rainews 24, sul G20 iniziato a Catania con la due giorni di riunione ministeriale su Istruzione e Lavoro “Il lavoro – ha aggiunto – si promuoverà e si difenderà dando anche ai lavoratori la possibilità di formarsi e di modificare le loro competenze durante la loro attività professionale. Non è un tema che riguarda soltanto il nostro Paese. L’impatto delle nuove tecnologie, i cambiamenti che si sono determinati con la digitalizzazione, la necessità di affrontare la transizione ecologica impongono questo salto di qualità, questo dialogo, questa convergenza stabile tra questi due mondi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin