A Catania i collage introspettivi di Demetrio Di Grado in mostra da KoARt Unconventional Place :ilSicilia.it
Palermo

L’esposizione sarà visitabile dal 7 al 28 dicembre

A Catania i collage introspettivi di Demetrio Di Grado in mostra da KoARt Unconventional Place

di
28 Novembre 2019

Il 7 dicembre alle ore 19 si inaugura alla Galleria KoARt Unconventional Place, in via San Michele a Catania la mostra “Dopo Esservi Commossi Dovreste Allarmarvi”, personale di Demetrio Di Grado, street artist palermitano e calatino d’adozione, che nel giro di pochi anni ha conquistato il pubblico con i suoi collage analogici intrisi di memoria e cultura pop, prodotti di una grande ricerca iconografica che lo ha portato alla redazione di un nuovo alfabeto segnico, ormai cifra stilistica di questo artista poliedrico.

La mostra, curata da Francesco Piazza, è l’evoluzione del progetto “Kind – Collage analogico” che l’anno scorso ha fatto tappa nelle gallerie più importanti della Sicilia, per chiudersi a Dicembre presso il museo Diocesano di Caltagirone.

“In D.E.C.D.A.” (acronimo del titolo della mostra), scrive il curatore “Di Grado disegna un universo di immagini che sono il risultato di una ulteriore sintesi compositiva oltre che concettuale. Un’astrazione estrema del suo pensiero da cui emerge una consapevolezza esperta che abbandona quella levità che finora lo aveva contraddistinto e che affronta tematiche più introspettive e drammaticamente legate all’oggi. Già il titolo del progetto contiene l’idea di cambiamento sociale ormai inevitabile e di sfida alle convenzioni che segna il passaggio ad un linguaggio legato alle contraddizioni di una società in perpetuo mutamento”.

D.E.C.D.A. arriva a Catania dopo la tappa palermitana svoltasi lo scorso maggio presso il Cre.Zi.Plus ai Cantieri Culturali della Zisa, in contemporanea con il World Collage Day 2019.

Proprio per la giornata mondiale del collage, Demetrio Di Grado, unico artista italiano selezionato, ha realizzato due grandi opere esterne con tecniche miste di collage e spray: uno sulla facciata del Cre.Zi.Plus e un altro su  un muro del Polo Oncologico dell’Ospedale Civico di Palermo, opera quest’ultima che l’artista ha donato nell’ambito della manifestazione di solidarietà promossa dal Rotary e dal progetto Elpy Gallery.

Durante il vernissage di giorno 7 sarà inoltre presente la collezione in serie limitata di t-shirt e le stampe ispirate alla mostra, acquistabili presso il corner allestito per l’occasione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.