A Catania l'arancino più grande del mondo: battuto il Guinness World Record :ilSicilia.it
Catania

Ben 32 chili e 700 grammi

A Catania l’arancino più grande del mondo: battuto il Guinness World Record

7 Ottobre 2019

Ben 32 chili e 700 grammi. Tanto pesa l’arancino più grande del mondo, preparato sabato sera in piazza Università a Catania, dai tre cuochi catanesi Carlo Cannavò, Francesco Spampinato e Orazio Gravagna.

L’arancino entra così nel World Guinness Record battendo il precedente record di 20 kg. «Catania si conferma la patria dell’arancino. Diffidate da repliche e imitazioni…» scrive su Facebook il sindaco etneo Salvo Pogliese.

Catania sarà la patria dell’arancino, ma Palermo è la patria dell’arancina. Questione di vocali, si sa. Ma l’Accademia della Crusca pare abbia risolto da anni il dilemma, facendo ricondurre l’origine del termine all’arancia, quindi al frutto e non all’albero. Il risultato finale è che per la Sicilia occidentale resterà al femminile, mentre nella parte orientale al maschile.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.