A Catania un coro di consensi per "Agata, la Santa Fanciulla" | Foto e Video :ilSicilia.it
Catania

Repliche il 24,25,29,30 gennaio e il 1 febbraio

A Catania un coro di consensi per “Agata, la Santa Fanciulla” | Foto e Video

di
24 Gennaio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un debutto appassionante ha seguito l’indimenticabile serata dell’anteprima, con un’accoglienza da parte degli spettatori davvero straordinaria e con un pubblico attento e calorosissimo“.

Questo è il commento del regista Giovanni Anfuso, dopo le due serata in cui lo spettacolo “Agata, la Santa Fanciulla” è stato presentato alla città di Catania nella Badia di via Vittorio Emanuele.

Ringrazio tutti – ha detto -, dai produttori, agli attori, alle maestranze, al pubblico. E tra questo l’arcivescovo di Catania monsignor Salvatore Gristina, il sindaco Salvo Pogliese, il presidente del Comitato per i festeggiamenti agatini Riccardo Tomasello, il rettore della Badia, padre Massimiliano Parisi: hanno avuto commenti entusiastici per il nostro lavoro“.

Gli applausi – ha sottolineato monsignor Gristina – sono stati meritatissimi. E per le emozioni uso un altro superlativo: vivissime. Davvero qualcosa di straordinario, grazie al regista di questo spettacolo che sarà di grande aiuto anche per la celebrazione della Festa, perché ci fa capire chi era Agata. Ci fa comprendere come la Santa sia presente nella vita di tutti noi. Importanti anche i riferimenti alla guerra e alla volontà di proteggere ciò che costituisce un valore, anche artistico, particolarmente significativo per la nostra comunità“.

Mi sono emozionato – ha detto il sindaco di Catania Salvo Pogliese – per questa rappresentazione di eccezionale valenza, con una sapiente regia, bravissimi attori e uno scenario splendido, che ci ha permesso di ripercorrere il martirio della nostra Santa Patrona ma anche quello di alcune pagine della storia cittadina. Credo che il bilancio sia estremamente positivo e siamo davvero felici che la nostra città e tantissimi giovani studenti, potranno apprezzare la bellezza di quest’opera.  Da quando ho vissuto la mia prima Festa di Sant’Agata da sindaco della mia città ho provato emozioni uniche“.

Entusiasmo anche tra gli attori per l’accoglienza tributata dal pubblico ad “Agata, la Santa fanciulla“, che adesso sarà rappresentato, con due repliche a sera, alle 20 e alle 21,30 (il cambio si deve a ragioni organizzative), nei giorni 24,25,29,30 gennaio e primo febbraio.

La vendita dei biglietti dello spettacolo – prodotto da Vision Sicily e Buongiorno Sicilia con il patrocinio del Comitato per i festeggiamenti Agatini , del Comune di Catania, della Curia arcivescovile – è avviata su Boxoffice Sicilia, sia on line, sia attraverso il centralino (allo 095.7225340), sia nei punti vendita del centro (Tabaccheria Magni in via di Sangiuliano, 239; Free Fly Tour 3, in via Manzoni, 75;  Associazione Officine Culturali, piazza Dante, 32; Libreria Feltrinelli, via Etnea, 283). Boxoffice Sicilia sarà inoltre ogni sera alle 19 nel botteghino della Badia. Notizie su Agata la Santa fanciulla sono disponibili inoltre sulla pagina di Facebook.

GUARDA LA FOTOGALLERY

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.