A Cefalù guidati dal profumo "Ra Pasta a Taianu" :ilSicilia.it
Palermo

Il 10 e l'11 agosto

A Cefalù guidati dal profumo “Ra Pasta a Taianu”

di
6 Agosto 2019

La nostra meta è Cefalù, tappa ricca di bellezza e bontà. La nostra passeggiata è guidata dal profumo della XIII edizione della Sagra “Ra pasta a Taianu”, che si svolge il 10 e 11 agosto.

Cefalù

Cefalù
La nostra passeggiata, prima di tuffarsi nei sapori della “Tradizione”, vuole penetrare nelle pieghe di questo borgo tra i più belli e suggestivi d’Italia, partendo dal suo stemma che ne rappresenta le caratteristiche peculiari: sullo scudo azzurro, il mare che è potenza e ricchezza, tre pesci d’argento ordinati in pergola col capo rivolto a una figura centrale rotonda d’oro, un pane, un pomodoro o, meglio, un bisante, moneta d’oro dell’impero bizantino. Il pesce e il pane, simboli della cristianità, richiamano il miracolo della moltiplicazione e dell’eucaristia. Nel mare, i pesci sono tre, tanti quanti i bracci del Parlamento Siciliano, le valli di Sicilia, le Persone della Trinità, le religioni monoteistiche.

La nascita di Cefalù affonda le sue radici nel fertile terreno del Mito che vorrebbe la città popolata, per la prima volta, dai Giganti, discendenti da Noè; fondata da Sicani (tra il 3000 ed il 2700 a. C.) o da Fenici che l’avrebbero chiamata Ras Melkart, promontorio di Ercole di cui il mito narra che qui avrebbe costruito un tempio dedicato al Sommo Padre Giove. I suoi nomi sono il greco Kephaloidion, il latino Cephaloedium e l’arabo Gafludi. Per quanto riguarda uno dei suoi simboli, la Cattedrale, venne edificata per volere di Ruggero II d’Altavilla, re di Sicilia, Puglia e Calabria, nel 1131. La tradizione ci ha tramandato che il re, in viaggio in nave da Salerno a Palermo, imbattutosi in una tempesta, fece voto di erigere una chiesa nel luogo in cui fosse approdato sano e salvo insieme al suo equipaggio. Mantenne la promessa e, domenica 7 giugno dello stesso anno, nel giorno di Pentecoste ebbero inizio i lavori con la posa della prima pietra.

Cefalù Sagra Ra Pasta a Taianu

Sagra “Ra Pasta a Taianu”
Il Centro di Cultura Polis Kephaloidion di Cefalù è l’organizzatore, nei giorni 10 e 11 agosto, della XIII edizione della Sagra “Ra Pasta a Taianu”, dedicata a un piatto antico, risalente agli arabi, che si è mantenuto per tradizione nell’uso culinario di tutti i giorni, diventando il piatto cefalutano per antonomasia. Un appuntamento culturale molto importante che ha inizio il 6 agosto, quando si è soliti prepararla in occasione della festa del SS. Salvatore della Trasfigurazione, Patrono Storico e Titolare della Basilica Cattedrale di Cefalù. Questa festa del gusto avrà come palcoscenico “Piazza Cristoforo Colombo”, a partire dalle 19.

Alla scoperta delle origini di questo piatto

Il termine “taianu” deriva dall’ arabo “taio”, che era la creta con cui veniva creato il recipiente di terracotta, usato per la cottura della pasta, preparata a strati con carne manzo e agnello sfilacciata a mano per il ragù, melanzane, prima fritte e, poi, anch’esse sfilacciate e, per finire, il pecorino. Il condimento viene posto nel fondo della pentola di terracotta con la pasta e sul coperchio appoggiati dei carboni ardenti affinché la cottura avvenga contemporaneamente da sopra e da sotto, quasi in una sorta di forno. In altre versioni, al posto dell’agnello viene utilizzata la carne tritata, si ha l’aggiunta di mozzarella e la cottura non più a legna non utilizza recipienti di terracotta. Noi amanti della tradizione, però, amiamo la ricetta originale.

Viva “Ra Pasta a Taianu” e la meravigliosa Cefalù.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.