A Cinisi in migliaia in piazza per i funerali di Paolo | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il giovanissimo ucciso a Terrasini

A Cinisi in migliaia in piazza per i funerali di Paolo | VIDEO

di
26 Febbraio 2020

Guarda il video in alto

Ultimo saluto a Paolo La Rosa, il giovanissimo ucciso a coltellate l’altro ieri sera in una piazza di Terrasini poco distante dalla discoteca dove aveva trascorso la serata.

Una folla si è riunita in piazza a Cinisi tanto che la funzione funebre è stata allestita su un palco proprio in piazza dopo aver accertato che la chiesa non avrebbe mai potuto contenere neanche una minima parte dei partecipanti. Per un giorno il grande schermo pubblicitario che accoglie chi arriva a Cinisi non trasmette immagini pubblicitarie. Su quel grande schermo passano le foto del giovane la cui vita è stata spezzata all’improvviso dal fidanzato della sorella al culmine di una banale lite.

Ad officiare le esequie l’Arcivescovo di Monreale monsignor Michele Pennisi. “Ci troviamo dinnanzi all’assenza di ogni sentimento umano che porta a prevaricare e comportamenti aggressivi fino a portare ad eliminare la vita di un altro essere umano – ha detto l’arcivescovo – siamo di fronte ad un diffuso analfabetismo etico per una distorta percezione del bene e del male. Le famiglie, le scuole, le pubbliche istituzioni, i mezzi di comunicazione di massa, la chiesa a partire dalla tragica morte di questo giovane siamo tutti invitati a riflettere su alcuni aspetti negativi della nostra società dove la violenza i tutte le sue forte, l’illegalità, l’omertà, l’indifferenza continua a minacciare la sicurezza delle nostre città“.

Per il funerale si è dovuto attendere il permesso degli inquirenti a seguito dell’arresto di  Alberto Mulè, mentre il cugino Filippo Mulè è indagato per favoreggiamento. Quest’ultimo è stato arrestato anche per un tentato omicidio commesso il 7 settembre dello scorso anno, sulla spiaggia Magaggiari di Cinisi ai danni del 20enne Pierpaolo Celestre.

LEGGI ANCHE

Terrasini, fermato un ventenne: avrebbe ucciso il ragazzo davanti la discoteca

Omicidio a Terrasini, giovane ucciso davanti a una discoteca

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.