20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

La rubrica di Aurelio Pes

A “En Kai Pan” Antonio De Bonis, genio siciliano fra architettura e viaggio | VIDEO

10 novembre 2018

Guarda il video della decima puntata in alto

Decima puntata per “En kai pan”, la rubrica di approfondimento culturale de ilSicilia.it: questa settimana ospitiamo Antonio De Bonis, architetto, scrittore “non stanziale”, perché a Palermo appare e scompare per i suoi molteplici viaggi. Da sempre vive intensamente la vita e la traduce in arte. Il suo girovagare per approfondire nuove culture e nuovi personaggi è espressione della sua grande sensibilità culturale.

Professore universitario alla Sapienza, è stato- fra l’altro – coordinatore assieme ad altri Settore Architettura Biennale di Venezia.

“Negli anni sessanta sono cresciuto in una Palermo che già ai tempi era capitale della cultura – spiega – Avevo 15 o 16 anni: erano gli anni del Gruppo ’63 e di un cenacolo che si riuniva attorno alla Galleria Flaccovio. Poi gettammo le basi per tante cose. Lascio presto la Sicilia. Nel 1966 sono a Roma e in quegli anni inizia la mia fuga verso l’Estero. Così andai ad Amsterdam in auto. Negli anni Settanta ero a Milano. Ero di estrema sinistra. Nacque una profonda amicizia con il grande Paolo Portoghesi. Nel 1977 divenne direttore della sezione architettura della Biennale di Venezia e io divenni coordinatore insieme ad altri suoi allievi della prima mostra di architettura del postmodernismo”. 

Un’intervista a tutto campo sull’architettura e non solo. Ai nostri microfoni, De Bonis critica, fra l’altro, le modalità culturali di ricostruzione del Belice nel post-terremoto: “E’ stato un fallimento, perchè ha condannato i suoi abitanti a non avere più quegli strumenti di socializzazione di riconoscimento del luogo come memoria storica, sovrapponendo a ciò che c’era prima un paesaggio nudo”. 

In alto il video con la nostra intervista

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.