A "En Kai Pan" Maurizio Riotto: "L'Eurasia è un solo e unico continente" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica culturale de ilSicilia.it

A “En Kai Pan” Maurizio Riotto: “L’Eurasia è un solo e unico continente”

29 Ottobre 2018

 

Guarda il video della nona puntata in alto

Nona puntata per “En kai pan“, la rubrica di approfondimento culturale de ilSicilia.it: questa settimana ospitiamo Maurizio Riotto,  orientalista, specializzato in studi coreani. Attualmente insegna Lingua e letteratura della Corea nell’Università “L’Orientale” di Napoli.

Vero e proprio pioniere degli studi coreanistici nel nostro Paese, grazie a lui esiste oggi in Italia una bibliografia coreana. Sue le prime traduzioni in Italia, dai testi originali, di importantissime opere antiche e moderne.  Riotto è autore di numerosi articoli e libri, fra cui una fondamentale storia della letteratura coreana. Collabora con diverse riviste scientifiche ed è stato insignito di prestigiosi premi.

“Forse è effetto del karma – racconta ai nostri microfoni – del destino. Fin dalle scuole superiori avevo notato qualcosa che non mi quadrava. Infatti non mi convinceva che il cosiddetto mondo classico si arrestasse in India. E infatti, a partire da questo, ho visto che che l’Eurasia è un solo e unico continente. In tutto questo la Corea occupa un posto assolutamente unico che è un po’ un crocevia, una piazza d’incontro fra Cina, Taiwan e isole giapponesi. In effetti, proseguendo gli studi ho avuto conferma di questo”.

“La letteratura coreana – ci spiega – è stata la maestra del Giappone, che non sarebbe quello che è senza la Corea. La cultura giapponese che oggi è molto più conosciuta, èè stata edificata per buona parte con il sostanziale contributo dei coreani”.

In alto il video con la nostra intervista

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.