A Erice il workshop sui progressi delle terapie cardiovascolari :ilSicilia.it
Trapani

con i maggiori esperti italiani e siciliani

A Erice il workshop sui progressi delle terapie cardiovascolari

di
16 Giugno 2019

Si é inaugurato oggi 16 giugno, presso il Centro di Cultura Scientifica della Fondazione “Ettore Majorana” di Erice (TP), il Workshop “Advances in Cardiovascular Imaging and Therapy”, promosso dai Professori Francesco Fedele (Roma) e Salvatore Novo (Palermo) e organizzato dai Professori Alfredo Galassi e Giuseppina Novo (Palermo).

Il Corso è focalizzato sulla discussione delle metodiche di imaging cardiovascolare, soprattutto l’ecocardiografia bi- e tridimensionale, l’ecotransesofageo e l’ecostress nonché la risonanza magnetica nucleare cardiaca che hanno raggiunto enormi progressi tecnologici nella diagnosi della cardiopatia ischemica, della disfunzione dei ventricoli e delle valvulopatie.

Alle sessioni di ecocardiografia parteciperanno come relatori i maggiori esperti italiani e siciliani e alla fine delle sessioni si svolgeranno sessioni “hands on” nella quale i relatori interagiranno attraverso una serie di Work-station con i discenti, in massima parte studenti delle Suole di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare delle tre Università di Catania, Messina e Palermo, nonché specialisti del Territorio in Cardiologia, Medicina Interna e Geriatria.

Inoltre, saranno affrontati diversi argomenti di terapia cardiovascolare avanzata, come  l’importanza della Vaccinazione antinfluenzale nella prevenzione degli accidenti cardiovascolari acuti (infarto e ictus), in accordo alle linee guida della Società Europea di Cardiologia sulla Prevenzione Cardiovascolare (G. Candela, Trapani), la rivascolarizzazione delle occlusioni coronariche totali croniche (A.R. Galassi, Palermo),l’imaging cardiaco integrato nella diagnosi e trattamento dell’insufficienza cardiaca (F. Fedele, Rome, Italy), I nuovi anticoagulanti orali nella prevenzione dei trombo-embolismi cerebrali e periferici nella fibrillazione atriale (S. Corrao, Palermo), la protezione degli eventi nei poli-vascolari trattati con Aspirina insieme a Rivaroxaban (S. Novo, Palermo),la diagnostica con ultrasuoni della patologia venosa (PL Antignani, Roma) e arteriosa (C. Amato, Palermo), i nuovi target di LDL-Colesterolo in prevenzione secondaria con l’uso dei PCSK-inibitori (G. Novo, Palermo).

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.