A Erice le finali del campionato italiano di robotica organizzato dalla Nasa | VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

presso il Centro Ettore Majorana

A Erice le finali del campionato italiano di robotica organizzato dalla Nasa | VIDEO

di
12 Aprile 2019

Sono da poco terminate a Erice (TP), presso il Centro Ettore Majorana, le gare finali del Campionato Italiano di Zero Robotics 2018/19competizione di robotica organizzata ogni anno dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) e dalla NASA.

Le 22 squadre partecipanti al campionato italiano provenivano da scuole superiori di tutto il territorio nazionale e si sono sfidate nella programmazione dei micro satelliti SPHERES (Synchronized Position Hold Engage and Reorient Experimental Satellites) realizzati dal MIT e situati stabilmente all’interno della Stazione Spaziale Internazionale ISS.

Le squadre partecipanti hanno sviluppato dei programmi che controllano, in modo completamente autonomo, tali robot. Le finaliste ieri ad Erice, per assistere in diretta alla finale.

Zero Robotics 2019 finale a Erice
Foto di gruppo dei partecipanti, al termine della finale, al cospetto del sindaco di Erice

La soddisfazione è davvero enorme nel vedere la grande partecipazione di scuole da tutta Italia sia al campionato ITALY 2018/19 italiano che a quello mondiale, conclusosi a gennaio a bordo della ISS.

La Zero Robotics Competition Italy è un concorso organizzato, fra gli altri, dal Politecnico di Torino, dall’Università di Padova, dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, dalla Rete Robotica a Scuola e dall’Agenzia Spaziale Italiana, insieme al Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Classifica finale del Campionato Italiano Zero Robotics 2018/19:

  1. LSA Spoleto A. Volta (Liceo scientifico A. Volta – Spoleto)
  2. Spaghetti Programmers (Lss Galileo Ferraris – Torino)
  3. Made in Heaven Technologies (IIS Giulio Natta – Liceo Juvarra – Rivoli Torino)
  4. Fermi4Tech (Liceo S.S. “E.Fermi” – Padova)

– LSA 4C 73 61 (Liceo Scientifico “Avogadro” – Vercelli)
– Error404 Team name not found (Liceo scientifico F.Vercelli – Asti)

 

IL VIDEO DELLA FINALE:

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.