A Gallodoro, la magia dei mercatini di Natale :ilSicilia.it
Messina

Dal 13 al 15 dicembre

A Gallodoro, la magia dei mercatini di Natale

di
12 Dicembre 2019

La Sicilia, non ci stancheremo mai di ripeterlo, è uno scrigno prezioso che custodisce non solo bellissime città, ma anche piccoli e suggestivi borghi come “Gallodoro“, gioiello del messinese, in cui dal 13 al 15 dicembre si respira un’atmosfera festosa tra storia, tradizioni, folklore, degustazioni, artigianato, prodotti a Km 0, spettacoli e, soprattutto, i Mercatini di Natale con tutta la loro magia. Prima di calarci in questa tre giorni ricca di appuntamenti, facciamo una piccolissima panoramica storica su Gallodoro.

Gallodoro

La sua origine è antichissima e affonda le radici nell’età greca di cui è testimonianza un insediamento abitativo che, sito in prossimità delle contrade Margi e Sant’Anna, secondo la tradizione popolare, veniva chiamato Bocena. I ritrovamenti di monete, cocci di brocche e vasellame vario, oltre che di tombe, hanno fatto ipotizzare che il Borgo possa essere stato Kallipolis, che nella Repubblica di Platone è la città governata dai filosofi, nella realtà, invece, fondata dai calcidesi della vicina Naxos.

L’attuale Gallodoro, invece, risale al periodo medievale, quando si formò il primo nucleo abitativo attorno alla chiesa rurale di San Teodoro Martire che, ubicata in un luogo di passaggio tra la parte bassa e quella alta della cosiddetta Vallis Aurea, nome datole dai Romani da cui deriva, forse, il nome Gallodoro, divenne nel corso dei secoli il luogo di culto principe della piccola comunità rurale. Piano piano questo suggestivo paese assunse la forma di cavea di teatro, con le case addossate l’una all’altra tra scorci da mozzare il fiato per la bellezza paesaggistica.

E’ proprio questo scenario incantato che ospita i “Mercatini di Natale“, una romantica, suggestiva e secolare tradizione. Anche quest’anno il piccolo borgo si popolerà di bancarelle d’artigianato, prodotti culinari locali e tanti addobbi natalizi. Una tre giorni di bella condivisione, di immersione in una realtà calorosa in cui potere gustare salsiccia, cuzzole, ricotta e vin brulè. Oltre il buon cibo, potrete fare, anche, il tradizionale giro delle “Cannici “, fasci di canne secche infuocate nella parte finale che, portate in spalla dai gallodoresi, alla fine del giro vengono posizionate in piazza a creare un enorme falò. Questa tradizione di illuminare l’oscurità rimanda ai riti pagani legati al Solstizio d’Inverno che, prima della riforma del calendario da parte di papa Gregorio XIII, cadeva nel giorno dedicato a Santa Lucia, protettrice della vista e simbolo della luce di Dio che sconfigge le tenebre. Potrete approfittare di questo weekend, inoltre, per effettuare itinerari d’arte nelle chiese del centro storico, trovare regali specialissimi e rientrare soddisfatti di questa scoperta che vi resterà nel cuore. Andare per credere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.