A Gallodoro, la magia dei mercatini di Natale :ilSicilia.it
Messina

Dal 13 al 15 dicembre

A Gallodoro, la magia dei mercatini di Natale

di
12 Dicembre 2019

La Sicilia, non ci stancheremo mai di ripeterlo, è uno scrigno prezioso che custodisce non solo bellissime città, ma anche piccoli e suggestivi borghi come “Gallodoro“, gioiello del messinese, in cui dal 13 al 15 dicembre si respira un’atmosfera festosa tra storia, tradizioni, folklore, degustazioni, artigianato, prodotti a Km 0, spettacoli e, soprattutto, i Mercatini di Natale con tutta la loro magia. Prima di calarci in questa tre giorni ricca di appuntamenti, facciamo una piccolissima panoramica storica su Gallodoro.

Gallodoro

La sua origine è antichissima e affonda le radici nell’età greca di cui è testimonianza un insediamento abitativo che, sito in prossimità delle contrade Margi e Sant’Anna, secondo la tradizione popolare, veniva chiamato Bocena. I ritrovamenti di monete, cocci di brocche e vasellame vario, oltre che di tombe, hanno fatto ipotizzare che il Borgo possa essere stato Kallipolis, che nella Repubblica di Platone è la città governata dai filosofi, nella realtà, invece, fondata dai calcidesi della vicina Naxos.

L’attuale Gallodoro, invece, risale al periodo medievale, quando si formò il primo nucleo abitativo attorno alla chiesa rurale di San Teodoro Martire che, ubicata in un luogo di passaggio tra la parte bassa e quella alta della cosiddetta Vallis Aurea, nome datole dai Romani da cui deriva, forse, il nome Gallodoro, divenne nel corso dei secoli il luogo di culto principe della piccola comunità rurale. Piano piano questo suggestivo paese assunse la forma di cavea di teatro, con le case addossate l’una all’altra tra scorci da mozzare il fiato per la bellezza paesaggistica.

E’ proprio questo scenario incantato che ospita i “Mercatini di Natale“, una romantica, suggestiva e secolare tradizione. Anche quest’anno il piccolo borgo si popolerà di bancarelle d’artigianato, prodotti culinari locali e tanti addobbi natalizi. Una tre giorni di bella condivisione, di immersione in una realtà calorosa in cui potere gustare salsiccia, cuzzole, ricotta e vin brulè. Oltre il buon cibo, potrete fare, anche, il tradizionale giro delle “Cannici “, fasci di canne secche infuocate nella parte finale che, portate in spalla dai gallodoresi, alla fine del giro vengono posizionate in piazza a creare un enorme falò. Questa tradizione di illuminare l’oscurità rimanda ai riti pagani legati al Solstizio d’Inverno che, prima della riforma del calendario da parte di papa Gregorio XIII, cadeva nel giorno dedicato a Santa Lucia, protettrice della vista e simbolo della luce di Dio che sconfigge le tenebre. Potrete approfittare di questo weekend, inoltre, per effettuare itinerari d’arte nelle chiese del centro storico, trovare regali specialissimi e rientrare soddisfatti di questa scoperta che vi resterà nel cuore. Andare per credere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin