20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.55
Palermo

Dal 26 al 29 dicembre

A Gangi per un Natale indimenticabile

25 Dicembre 2018

A Gangi, il Borgo più Bello d’Italia 2014, il 26, 27, 28 e 29 dicembre si svolge la decima edizione di uno dei più suggestivi Presepi viventi siciliani Da Nazareth a Betlemme che, giornalmente, vedrà quattordici rappresentazioni dalle 17 alle 23,30. Si tratta di uno degli eventi storici più suggestivi d’Italia, tanto da aver vinto il prestigioso premio ITALIVE 2017 ed essere stato inserito da Google Buon Natale tra i due presepi da visitare in Sicilia.

Natale a Ganci

La particolarità della rappresentazione è contenuta nella frase: “Il silenzio…Una voce…Un viaggio…La vita…” in quanto ciascuna scena, che vede all’incirca duecento figuranti rappresentare pastori, mercanti, suonatori, venditori ambulanti, osti, lavandaie, ottomani, giocolieri, è priva di dialoghi e narrata da una voce fuori campo che accompagna il visitatore in un viaggio nei luoghi sacri fino al raggiungimento della grotta di Betlemme ricostruita nel ventre di Gangi, in uno dei suoi scorci più belli, sotto l’arcata dell’antica Torre Normanna dei Ventimiglia, adiacente piazza del Popolo.

Un ricco programma di eventi animerà il borgo con spettacoli musicali, Mercatini di Natale, musiche, “a nuvena di natali” e degustazione di Vin Brulè e stantanei, dolci tipici locali.

Da Nazareth a Betlemme è un viaggio immaginario alla scoperta del mistero della vita diviso in due momenti, uno laico e l’altro religioso. L’aspetto laico mostra gli usi, i costumi e i mercati dell’epoca; quello religioso si incentra sull’apparizione dell’Angelo e la fuga dal censimento di Maria e Giuseppe che da Nazareth si recano a Betlemme a dorso d′asino.

Ogni anno il presepe vivente fa registrare il sold out e anche quest’anno sono attesi in migliaia tra pellegrini e visitatori.

Durante la rappresentazione monumenti e chiese saranno fruibili sino a tarda sera e sarà possibile visitare la Chiesa della Badia, la Chiesa Madre e quella di San Cataldo, oltre alla Cripta dei preti morti, autentico tesoro storico.

La regia è curata da Peppuccio Ballistreri e Carmelo Domina, le musiche sono di Giovanni Germanà, la voce fuori campo di Santi Cicardo e la consulenza storica di Ignazio Sauro. L’iniziativa, organizzata dall’associazione “Da Nazareth a Betlemme”, è patrocinata dal Comune di Gangi, Bcc, con la collaborazione della Pro-Loco, delle associazioni locali e la disponibilità del parroco don Pino Vacca.

E che Natale a Gangi sia.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.