A Geraci Siculo, un weekend tra storia e tradizione con "La Giostra dei Ventimiglia" | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Palermo

Il 3 e 4 agosto

A Geraci Siculo, un weekend tra storia e tradizione con “La Giostra dei Ventimiglia” | IL PROGRAMMA

31 Luglio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La nostra passeggiata è, in realtà, una sorta di viaggio su una macchina del tempo che ci trasporterà in un secolo considerato buio, per noi luminosissimo, che è il Medioevo e ha per palcoscenico Geraci Siculo (PA), che fa rivivere il glorioso passato della Contea con “La Giostra dei Ventimiglia“.

Salto dei Ventimiglia Geraci Siculo

In questo borgo incantato, della provincia di Palermo, tra i più belli d’Italia, potrete scoprire uno scorcio di meraviglia, il Salto dei Ventimiglia in cui si combatté, nel 1338, una cruenta battaglia fra Pietro II di Sicilia e Francesco I Ventimiglia, una straordinaria opera in vetro e acciaio, unica nel suo genere, che permette di camminare quasi nel “nulla”, con un panorama eccezionale sotto i piedi, essendo anche il pavimento di vetro. Inaugurato nel 2014, rievoca un episodio importante della storia dei Ventimiglia di Geraci, una delle famiglie nobili più potenti e influenti di Sicilia per almeno quattro secoli. Il Borgo passa a questa aristocratica famiglia nel 1258, quando Enrico II Ventimiglia sposa la contessa Isabella di Geraci (già di Parisio), divenendo così conte di Geraci, oltre che di Ventimiglia, del Maro, di Ischia e signore di Gangi, Petralie e di una serie di altri possedimenti.

Succeduto al nonno Enrico attorno al 1308, Francesco Ventimiglia prende le redini della contea, fondando tra l’altro, nel 1317, Castelbuono, e “scippando” letteralmente alla chiesa circa 70 mila mq di terreno in corrispondenza del cosiddetto casale Ypsigro. Sarà lui ad avviare la costruzione del meraviglioso castello, oggi monumento simbolo di Castrum bonum, l’antico nome della cittadina.

La Giostra dei Ventimiglia

La Giostra dei Ventimiglia Geraci Siculo

Il 3 e il 4 agosto questo luogo ricco di storia, inserito nel Circuito dei Borghi Più Belli d’Italia, sarà animato da dame, cavalieri e imprese audaci che faranno rivivere un passato glorioso. Questa manifestazione, giunta alla XXXI^ Edizione e promossa dal Comune di Geraci Siculo, si apre sabato pomeriggio con la Presentazione della Giostra e il Concerto Medievale curato dal Maestro Diego Cannizzaro. Continuerà sabato sera con “La Serenata a Costanza” con la partecipazione della Compagnia Batarnù. Per qualche ora i visitatori si troveranno sospesi nel tempo, dimentichi del presente. Domenica 4 agosto sarà una giornata ricca di appuntamenti che vedrà alle 10,30 l’accoglienza dei Sindaci e dei Cavalieri dei Comuni della Contea in Piazza del Popolo e, a seguire, lo spettacolo degli Sbandieratori di Motta S. Anastasia.

Da non perdere il Corteo dei Cavalieri della Contea per le vie del Borgo, accompagnato dagli sbandieratori; sosta “O’ Tunnu” e premiazione del “Concorso Miglior Binomio Cavaliere – Cavallo” e “Fedeltà”. Alle 19,30 in piazza del Popolo, il Matrimonio tra Francesco Ventimiglia e Costanza Chiaramonte e il Corteo Medievale lungo il Corso Vittorio Emanuele. La Giornata si concluderà con l’animazione serale e la partecipazione di Vincenzo Baldanza, Cantastorie, e delle Compagnie Batarnù e Ferro e Fuoco che incanteranno i turisti e i geracesi con uno spettacolo dalle atmosfere medievali. Scendiamo nei dettagli del programma.

PROGRAMMA

Sabato 3 agosto

Alle 18 – Convento degli Agostiniani

Presentazione Giostra e Concerto Medievale a cura del Maestro Diego Cannizzaro

Alle 22 – Piazza del Popolo

Serenata a Costanza, con la partecipazione della Compagnia Batarnù

Domenica 4 agosto

Alle 10,30 – Piazza del Popolo

Accoglienza Sindaci e Cavalieri dei Comuni della Contea

Alle 11,30 – Piazza del Popolo

Spettacolo di Sbandieratori “Rione Panzera Motta S. Anastasia”

Alle 17,30 – Piazza Municipio – Corso Vittorio Emanuele

Corteo dei Cavalieri per le vie del Borgo, accompagnato dagli Sbandieratori

Sosta “O’ Tunnu” e premiazione del “Concorso Miglior binomio Cavaliere – Cavallo” e “Fedeltà”

Alle 18,30 – 19,30 – Per le vie del Borgo

Animazione Medievale con la partecipazione delle Compagnie Batarnù e Ferro e Fuoco

Alle 19,30 – Piazza del Popolo

Matrimonio tra Francesco Ventimiglia e Costanza Chiaramonte

A seguire Corteo Medievale lungo il Corso Vittorio Emanuele con omaggio musicale della Compagnie Batarnù agli Sposi

Alle 22 – Per le vie del Borgo

Animazione Medievale con la partecipazione di Vincenzo Baldanza, Cantastorie, e delle Compagnie Batarnù e Ferro e Fuoco

Viva Geraci Siculo, Borgo in cui lascerete il vostro cuore, e le belle tradizioni che custodiscono il passato facendolo rivivere nel presente.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.