A Geraci Siculo, un weekend tra storia e tradizione con "La Giostra dei Ventimiglia" | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Palermo

Il 3 e 4 agosto

A Geraci Siculo, un weekend tra storia e tradizione con “La Giostra dei Ventimiglia” | IL PROGRAMMA

di
31 Luglio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La nostra passeggiata è, in realtà, una sorta di viaggio su una macchina del tempo che ci trasporterà in un secolo considerato buio, per noi luminosissimo, che è il Medioevo e ha per palcoscenico Geraci Siculo (PA), che fa rivivere il glorioso passato della Contea con “La Giostra dei Ventimiglia“.

Salto dei Ventimiglia Geraci Siculo

In questo borgo incantato, della provincia di Palermo, tra i più belli d’Italia, potrete scoprire uno scorcio di meraviglia, il Salto dei Ventimiglia in cui si combatté, nel 1338, una cruenta battaglia fra Pietro II di Sicilia e Francesco I Ventimiglia, una straordinaria opera in vetro e acciaio, unica nel suo genere, che permette di camminare quasi nel “nulla”, con un panorama eccezionale sotto i piedi, essendo anche il pavimento di vetro. Inaugurato nel 2014, rievoca un episodio importante della storia dei Ventimiglia di Geraci, una delle famiglie nobili più potenti e influenti di Sicilia per almeno quattro secoli. Il Borgo passa a questa aristocratica famiglia nel 1258, quando Enrico II Ventimiglia sposa la contessa Isabella di Geraci (già di Parisio), divenendo così conte di Geraci, oltre che di Ventimiglia, del Maro, di Ischia e signore di Gangi, Petralie e di una serie di altri possedimenti.

Succeduto al nonno Enrico attorno al 1308, Francesco Ventimiglia prende le redini della contea, fondando tra l’altro, nel 1317, Castelbuono, e “scippando” letteralmente alla chiesa circa 70 mila mq di terreno in corrispondenza del cosiddetto casale Ypsigro. Sarà lui ad avviare la costruzione del meraviglioso castello, oggi monumento simbolo di Castrum bonum, l’antico nome della cittadina.

La Giostra dei Ventimiglia

La Giostra dei Ventimiglia Geraci Siculo

Il 3 e il 4 agosto questo luogo ricco di storia, inserito nel Circuito dei Borghi Più Belli d’Italia, sarà animato da dame, cavalieri e imprese audaci che faranno rivivere un passato glorioso. Questa manifestazione, giunta alla XXXI^ Edizione e promossa dal Comune di Geraci Siculo, si apre sabato pomeriggio con la Presentazione della Giostra e il Concerto Medievale curato dal Maestro Diego Cannizzaro. Continuerà sabato sera con “La Serenata a Costanza” con la partecipazione della Compagnia Batarnù. Per qualche ora i visitatori si troveranno sospesi nel tempo, dimentichi del presente. Domenica 4 agosto sarà una giornata ricca di appuntamenti che vedrà alle 10,30 l’accoglienza dei Sindaci e dei Cavalieri dei Comuni della Contea in Piazza del Popolo e, a seguire, lo spettacolo degli Sbandieratori di Motta S. Anastasia.

Da non perdere il Corteo dei Cavalieri della Contea per le vie del Borgo, accompagnato dagli sbandieratori; sosta “O’ Tunnu” e premiazione del “Concorso Miglior Binomio Cavaliere – Cavallo” e “Fedeltà”. Alle 19,30 in piazza del Popolo, il Matrimonio tra Francesco Ventimiglia e Costanza Chiaramonte e il Corteo Medievale lungo il Corso Vittorio Emanuele. La Giornata si concluderà con l’animazione serale e la partecipazione di Vincenzo Baldanza, Cantastorie, e delle Compagnie Batarnù e Ferro e Fuoco che incanteranno i turisti e i geracesi con uno spettacolo dalle atmosfere medievali. Scendiamo nei dettagli del programma.

PROGRAMMA

Sabato 3 agosto

Alle 18 – Convento degli Agostiniani

Presentazione Giostra e Concerto Medievale a cura del Maestro Diego Cannizzaro

Alle 22 – Piazza del Popolo

Serenata a Costanza, con la partecipazione della Compagnia Batarnù

Domenica 4 agosto

Alle 10,30 – Piazza del Popolo

Accoglienza Sindaci e Cavalieri dei Comuni della Contea

Alle 11,30 – Piazza del Popolo

Spettacolo di Sbandieratori “Rione Panzera Motta S. Anastasia”

Alle 17,30 – Piazza Municipio – Corso Vittorio Emanuele

Corteo dei Cavalieri per le vie del Borgo, accompagnato dagli Sbandieratori

Sosta “O’ Tunnu” e premiazione del “Concorso Miglior binomio Cavaliere – Cavallo” e “Fedeltà”

Alle 18,30 – 19,30 – Per le vie del Borgo

Animazione Medievale con la partecipazione delle Compagnie Batarnù e Ferro e Fuoco

Alle 19,30 – Piazza del Popolo

Matrimonio tra Francesco Ventimiglia e Costanza Chiaramonte

A seguire Corteo Medievale lungo il Corso Vittorio Emanuele con omaggio musicale della Compagnie Batarnù agli Sposi

Alle 22 – Per le vie del Borgo

Animazione Medievale con la partecipazione di Vincenzo Baldanza, Cantastorie, e delle Compagnie Batarnù e Ferro e Fuoco

Viva Geraci Siculo, Borgo in cui lascerete il vostro cuore, e le belle tradizioni che custodiscono il passato facendolo rivivere nel presente.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.