A Giurisprudenza il convegno "Palermo: fra diritto sportivo, FIGC e rinascita" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

PRESENTE COME RELATORE IL PRESIDENTE DELLA SSD PALERMO, DARIO MIRRI

A Giurisprudenza il convegno “Palermo: fra diritto sportivo, FIGC e rinascita” | VIDEO

di
21 Ottobre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Si è tenuto oggi, presso l’aula Santi Romano del plesso di Giurisprudenza, il convegno dal titolo “Palermo: fra diritto sportivo, FIGC e rinascita“. All’evento hanno partecipato come relatori il presidente della SSD Palermo, Dario Mirri, il direttore editoriale de IlSicilia.it, Maurizio Scaglione, e il prof. avv. Mario Serio, già presidente di sezione della Corte di Giustizia Federale – FIGC.

L’aula magna era piena in ogni ordine di posto, segno che l’evento ha interessato una pluralità di soggetti, dagli studenti di Giurisprudenza ai semplici curiosi. La conferenza è stata promossa dall’associazione studentesca “Foro di Giurisprudenza”, organizzato dai suoi due rappresentanti, ovvero il presidente Emanuele Vella e il rappresentante degli studenti Marco Culmone.

Al centro del dibattito vi sono stati vari temi, fra i quali quello del fallimento del vecchio Palermo calcio. Il prof. Serio si è soffermato sulla gestione da parte dell’ex società degli strumenti messi a disposizione dalla giustizia ordinaria e sportiva, come la serie infinita di ricorsi effettuati durante gli ultimi mesi, molti dei quali risoltisi in un nulla di fatto. L’avvocato palermitano si è soffermato sull’esigenza di un tacito equilibrio fra ciò che rappresenta l’assetto societario e le ragioni dei tifosi, vera anima di questo sport.

Convegno "Palermo: fra diritto sportivo, figc e rinascita"Una delle ragioni dell’evento era quella di spiegare i momenti che hanno portato alle vicissitudini societarie che hanno portato la vecchia società al fallimento e la nuova società a dovere ripartire dalla Serie D. A questo proposito, il presidente dell’associazione “Foro di Giurisprudenza”, Emanuele Vella, chiarisce che “per noi è stato un onore ospitare questo evento nell’Aula Magna dell’Università, la nostra seconda casa. Siamo riusciti a coniugare il mondo dell’Università con il mondo della tifoseria, dei tifosi rosanero, in un momento particolare in cui avviene una rinascita sportiva per questa città e in cui società e tifoseria stanno portando in alto i colori rosanero. Cogliamo pubblicamente l’occasione per ringraziare chi ha fatto riscoprire il senso di appartenenza e chi ha deciso di investire nello sport di questa città“.

Ed è stato proprio il presidente della SSD Palermo, Dario Mirri, uno degli ospiti più attesi dell’evento. Il numero uno di viale del Fante si sofferma ai nostri microfoni sul passaggio fra la vecchia e la nuova società: “E’ un momento di conferma che nello sport, così come nella vita, il diritto e la giustizia devono fare il loro corso. Per quanto riguarda il vecchio Palermo, non è un argomento che mi riguarda se non da tifoso, con l’enorme dispiacere di perdere una società che ha rappresentato a lungo la nostra città e la nostra squadra. Da presidente mi sembra corretto confermare che sono due realtà distinte e separate, soprattutto alla luce che la magistratura sta prendendo le sue decisioni, vedremo“.

Abbiamo poi chiesto a Dario Mirri dettagli su alcuni argomenti topic delle ultime settimane, fra cui la questione polisportiva e il marchio. Seguiranno aggiornamenti.

GUARDA LA CONFERENZA – PARTE 1


 GUARDA LA CONFERENZA – PARTE 2

GUARDA LA CONFERENZA – PARTE 3

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.