12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.27
Palermo

Il 29 giugno

A Isnello per la gustosa “Sagra delle Fave di San Pietro”

27 Giugno 2019

Troviamo molto bello accompagnarvi a Isnello, paesino in provincia di Palermo in cui, il 29 giugno, si svolge una sagra che omaggia le “Fave“ e celebra San Pietro. Prima di addentrarci in questa gustosa festa del sapore, qualche curiosità su “Isnello”.

Così lo definiva Carlo Levi: “In una lussureggiane cornice naturale del Parco delle Madonie, adagiato fra le pieghe di una vallata, cui fa da vigile sentinella la possente mole della Montagna Grande e dominato dall’antico castello bizantino, sorge Isnello, “paese antichissimo e perciò pieno di profonda nobiltà“.

Riguardo l’origine del nome, in cui centrale è il corso d’acqua che attraversa il territorio, diverse sono le ipotesi: una lo vede legato al termine punico “hassinor”, torrente; un’altra, al siriaco “hassim”, fiume freddo; un’altra ancora al greco “asines”, innocuità del torrente, e, infine, all’arabo, “Menzil al Himar.

Sagra delle fave di San Pietro

Il bello della nostra isola è che custodisce il suo passato e lo rinnova anno dopo anno. Ad Isnello, anticamente, proprio nel giorno di San Pietro, gli abitanti dei vari quartieri, dopo la pesatura delle fave, in segno di ringraziamento per il buon raccolto, le cuocevano nelle “quadare”, grandi pentoloni in rame. Ancora oggi le donne di questo suggestivo borgo preparano la “frittedda”, le fave, con patate e cipolle, condite con un intingolo di olio e aceto, accompagnate da abbondante vino locale, che verranno offerte ai visitatori, sempre più numerosi, su tavole imbandite nei vari quartieri del paese, addobbati per l’occasione con ginestre ed edere. Per rendere l’atmosfera più divertente e competitiva ci sarà una giuria che farà vincere un agnellone alla migliore postazione.

Per chiudere, una ricetta tipica di Isnello che ha per protagoniste, proprio, le fave.

Ingredienti per sei persone:

  • 5 carciofi
  • 300 g di piselli
  • 2 cipolle tagliate sottilmente
  • 450 g di fave fresche
  • un mazzo di finocchietti di montagna
  • 100 g di olio
  • 100 g di lardo
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

1.Sbucciate le fave e i piselli, pulite i finocchietti e i carciofi, lasciando  la parte più tenera.

2. Tagliate i finocchietti, la cipolla a fette sottili e i carciofi a spicchi.

3. Ponete tutto in un tegame con olio e sale, coprite con un coperchio e fate cuocere lentamente, mescolando di tanto in tanto e, se necessario, aggiungendo un po’ d’acqua.

4. A cottura quasi ultimata unite il lardo a pezzetti e ultimate la cottura.

Buona Sagra delle Fave di San Pietro a Isnello, un appuntamento a tutto sapore.

[Foto all’interno di “Castelbuono Live”]

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.