A Isnello per la gustosa "Sagra delle Fave di San Pietro" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il 29 giugno

A Isnello per la gustosa “Sagra delle Fave di San Pietro”

di
27 Giugno 2019

Troviamo molto bello accompagnarvi a Isnello, paesino in provincia di Palermo in cui, il 29 giugno, si svolge una sagra che omaggia le “Fave“ e celebra San Pietro. Prima di addentrarci in questa gustosa festa del sapore, qualche curiosità su “Isnello”.

Così lo definiva Carlo Levi: “In una lussureggiane cornice naturale del Parco delle Madonie, adagiato fra le pieghe di una vallata, cui fa da vigile sentinella la possente mole della Montagna Grande e dominato dall’antico castello bizantino, sorge Isnello, “paese antichissimo e perciò pieno di profonda nobiltà“.

Riguardo l’origine del nome, in cui centrale è il corso d’acqua che attraversa il territorio, diverse sono le ipotesi: una lo vede legato al termine punico “hassinor”, torrente; un’altra, al siriaco “hassim”, fiume freddo; un’altra ancora al greco “asines”, innocuità del torrente, e, infine, all’arabo, “Menzil al Himar.

Sagra delle fave di San Pietro

Il bello della nostra isola è che custodisce il suo passato e lo rinnova anno dopo anno. Ad Isnello, anticamente, proprio nel giorno di San Pietro, gli abitanti dei vari quartieri, dopo la pesatura delle fave, in segno di ringraziamento per il buon raccolto, le cuocevano nelle “quadare”, grandi pentoloni in rame. Ancora oggi le donne di questo suggestivo borgo preparano la “frittedda”, le fave, con patate e cipolle, condite con un intingolo di olio e aceto, accompagnate da abbondante vino locale, che verranno offerte ai visitatori, sempre più numerosi, su tavole imbandite nei vari quartieri del paese, addobbati per l’occasione con ginestre ed edere. Per rendere l’atmosfera più divertente e competitiva ci sarà una giuria che farà vincere un agnellone alla migliore postazione.

Per chiudere, una ricetta tipica di Isnello che ha per protagoniste, proprio, le fave.

Ingredienti per sei persone:

  • 5 carciofi
  • 300 g di piselli
  • 2 cipolle tagliate sottilmente
  • 450 g di fave fresche
  • un mazzo di finocchietti di montagna
  • 100 g di olio
  • 100 g di lardo
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

1.Sbucciate le fave e i piselli, pulite i finocchietti e i carciofi, lasciando  la parte più tenera.

2. Tagliate i finocchietti, la cipolla a fette sottili e i carciofi a spicchi.

3. Ponete tutto in un tegame con olio e sale, coprite con un coperchio e fate cuocere lentamente, mescolando di tanto in tanto e, se necessario, aggiungendo un po’ d’acqua.

4. A cottura quasi ultimata unite il lardo a pezzetti e ultimate la cottura.

Buona Sagra delle Fave di San Pietro a Isnello, un appuntamento a tutto sapore.

[Foto all’interno di “Castelbuono Live”]

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.