A Lascari la presentazione del nuovo libro di Franco Blandi: "Francesca Serio. La madre" :ilSicilia.it

Domenica 19 maggio

A Lascari la presentazione del nuovo libro di Franco Blandi: “Francesca Serio. La madre”

di
18 Maggio 2019

Domenica 19 maggio 2019 alle ore 18,30, in occasione dell’anniversario dell’omicidio di Turiddu Carnevale (sindacalista di Sciara barbaramente ucciso dalla mafia), verrà presentato a Lascari, presso la Spazio Polifunzionale (via Leonardo Da Vinci, 21), Francesca Serio. La madre, il primo romanzo sulla vita di “Mamma Carnevale”, prima donna a denunciare apertamente la mafia.

Insieme all’autore interverranno Salvatore Ilardo (Coordinatore del MuVi Lascari), Giuseppe Abbate (sindaco di Lascari), Maria Elena Amoroso (assessore alle Politiche Culturali), Pino Apprendi (presidente Antigone Sicilia), Lucrezia Anselmo (insegnante di Filosofia), Salvo Ilardo e Giusy Longo (attori) che leggeranno alcuni passi del romanzo.

La manifestazione, organizzata dall’APS Il Girasole e dal MuVi Lascari con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, è stata inserita in due eventi nazionali che promuovono la lettura: “NO ROGO – Spegni l’ignoranza” dell’Arci, il “Maggio dei Libri” promosso dal CEPELL – Centro per il Libro e la Lettura e dal MIBAC.

Il nuovo libro di Franco Blandi è un romanzo storico intriso di ideali civili, sociali, politici, che racconta la vita di Francesca Serio, una donna tenace che sfida la società opponendosi agli stereotipi femminili del primo ‘900 e dopo l’assassinio del figlio denuncia i mafiosi di Sciara e lotta senza risparmio per ottenere giustizia. Negli anni venti Francesca, con un bimbo in fasce, decide di separarsi dal marito, si trasferisce a Sciara e sceglie il lavoro nei campi. Turiddu si avvicina agli ideali del socialismo, e si prodiga per difendere i diritti dei lavoratori. Questo non va giù ai mafiosi del luogo, che provano a corromperlo, minacciarlo, vogliono fermare quest’uomo “sovversivo” che però non si piega mai al loro volere. Per questo motivo, il 16 maggio 1955 viene ucciso barbaramente.

La storia di Turiddu, il suo impegno, il suo omicidio non rappresentano solo un pezzo di storia della Sicilia. Nella sua lotta per la giustizia, Francesca Serio è affiancata e incoraggiata da personalità di rilievo della storia italiana. Primo fra tutti Sandro Pertini che la accompagna lungo quel difficile cammino, ma anche Pio La Torre, Pietro Nenni, Palmiro Togliatti, Ferruccio Parri. Il romanzo offre un quadro fedele della situazione politica e sociale del secondo ‘900 in Italia.

Francesca Serio, madre di Turiddu Carnevale, parla attraverso la penna di Franco Blandi. Con tono colloquiale e diretto racconta la sua vita anticonvenzionale e quella di Turiddu. Il romanzo è contemporaneamente un diario intimista e una fedele ricostruzione dei fatti. È una storia intensa e toccante. Il lettore entra nella casa di Francesca e Turiddu, vive con loro gioie e angosce, fin quasi a diventare partecipe.

Un romanzo sì, ma storico, – spiega Franco Blandi nella nota al testo – le cui radici affondano nei fatti e nelle persone che li hanno determinati, raccontati dalla stessa protagonista, Francesca Serio, conosciuta come ‘Mamma Carnevale’. Infatti, le vicende narrate, le date e i personaggi del romanzo, sono tutti reali. Ciononostante, alcuni episodi della vita quotidiana e alcuni dialoghi, li ho ricostruiti sulla base delle testimonianze raccolte e, ove possibile, dalle fonti bibliografiche e d’archivio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.