A Lipari per la "Sagra del Vino e del Pane" :ilSicilia.it
Messina

Il 15, il 16 e 17 novembre

A Lipari per la “Sagra del Vino e del Pane” | IL PROGRAMMA

di
13 Novembre 2019

La Sicilia è un arcipelago di isole e noi vogliamo omaggiare una delle sette sorelle eoliane, Lipari, per la 34° edizione “Sagra del Vino e del Pane”, che si svolge nella frazione di Pianoconte, ormai da oltre 31 anni, il 15, 16 e 17 novembre. L’Associazione A.C.R.S. TERME S. CALOGERO nasce a Lipari il 1 luglio 1982 e, circa tre anni dopo, nel Novembre del 1985, invece, la più antica Sagra delle Isole Eolie, una storica manifestazione a cui accorrono festosamente non soltanto gli abitanti delle altre isole, ma di tutta la Sicilia. Prima di penetrare tra le pieghe di questa festa “inebriante” e “fragrante”, però, qualche curiosità sulla magica Lipari.

proloco-isole-eolie-lipari

LIPARI
La vostra Patti Holmes vuole raccontarvi qualcosa di privato: nel 2016 diretta a Stromboli, a causa di una fortissima burrasca, per una notte fece tappa a Lipari e fu il più bello degli imprevisti. La più grande delle Eolie, infatti, è una cittadina meravigliosa, accogliente e festosa, dominata da un castello, che sorge su un promontorio naturale tra le due insenature, oggi adibite a porto di Marina Lunga e Marina Corta e con una poderosa cinta muraria cinquecentesca. Cullata dal mare, accoglie con tantissimi locali, negozietti, suggestive chiesette e scorci incantevoli e, da nipote di Sherlock Holmes, curiosa e logorroica all’ennesima potenza, indagando sulle origini del suo nome e sul suo essere isola sospesa tra mito e santità, ha fatto delle interessanti scoperte che vuole condividere con voi, cari Watson.

A Lipara, Λιπάρα, così era nota nell’antichità, che in greco significa “grasso” e “fertile”, sono legati da uno stesso destino di fuga quattro personaggi: il primo, raccontato da Diodoro Siculo, è Liparo, re degli Ausoni, che, abbandonate le coste campane in seguito a una lite con i fratelli, sarebbe approdato nell’isola, dandole il suo nome; il secondo è il saggio Eolo che, giunto alla corte di Liparo, ne sposò una figlia ricevendo in dono il regno in cambio, però, del ritorno del re sulle amate coste campane; il terzo, che si innesta perfettamente in questa storia, è Ulisse, l’eroe più arguto di tutti i tempi, reduce dalla guerra di Troia e privo della sua nota spavalderia, che, giunto al cospetto di Eolo e conquistatolo con la sua drammatica storia, avrebbe ricevuto in dono un otre di pelle, custode dei venti contrari alla navigazione, che lo avrebbe riportato nell’agognata Itaca. Il suo sogno, però, fu rimandato a causa della curiosità dei suoi compagni di navigazione che aperto il contenitore, creduto depositario di tesori di inestimabile valore, liberarono violente correnti, scatenando una terribile tempesta; il quarto, infine, è San Calogero che, arrivato a Lipari dall’Asia Minore per mettere in fuga i diavoli che vi erano annidati, vi avrebbe fatto sgorgare delle sorgenti miracolose in grado di curare fetide ferite, artriti e dermatiti, cosa che una recente analisi delle acque avrebbe confermato.

Lipari

Una piccola e suggestiva scoperta, fatta sul campo, è stata la Chiesetta delle Anime del Purgatorio, eretta nel 1545 sulla Penisoletta del Purgatorio prospiciente la Piazza Ugo di Sant’Onofrio a Marina corta, già Marina di San Giovanni, in cui è allestito il “Presepe del mare”, un incanto che raffigura una parte del paese con tanti personaggi del luogo, dal parroco, ai riparatori di reti , dalle donne che si affacciano ai balconi, agli artigiani. Una piccola Sacra Famiglia adorata, al posto dei Re Magi, da tre Pescatori del luogo. Questo gioiello lo si deve all’Associazione SS. Cosma e Damiano Marina corta di Lipari che ha dichiarato che “la realizzazione di questo Presepe, oltre che a continuare una tradizione antica della nostra gente, è finalizzata alla sensibilizzazione di residenti e visitatori sulle peculiarità del nostro territorio, di cui l’architettura è parte importante, e sull’importanza della sua conservazione a tutela della nostra identità culturale”. E, adesso, che Sagra sia.

SAGRA LIPARI

LA SAGRA DEL VINO E DEL PANE 
Le giornate della Sagra sono caratterizzate da serate danzanti con musiche e costumi della tradizione popolare contadina, giochi e intrattenimenti vari di carattere culturale ed antropologico, degustazioni di prodotti tipici locali come: insalata di pane caliatu cunzatu, grigliata di salsiccia, buon vino novello proveniente dai vigneti Eoliani e messo a disposizione dai contadini della Frazione, dimostrazioni legate agli antichi mestieri come, ad esempio, la spremitura dell’uva, la preparazione del pane fatto in casa con forno a legna e farina di grano duro, come tradizione insegna. Una festa del sapore e del sapere di cui approfittare per immergersi nella magia che le Eolie e Lipari, la più grande di loro, sprigionano. E’ il tempo di scendere nei dettagli del programma.

IL PROGRAMMA

Venerdì 15 novembre

Alle 14,30
Inizio caccia al tesoro

Alle 19,30
Memorial Giovanni Mangano (Torneo paesano di Briscola e Tresette)

Sabato 16 novembre

Alle 9,30
Mattinata contadina, chiunque desideri avere nozioni sulle tradizioni locali può recarsi a Pianoconte presso alcune persone anziane

Alle 15,30
Gare e giochi popolari in piazza

Alle 17
Speciale convegno: Le Olive, dalla raccolta al Frantoio di Lipari interverranno la Dott. Maria Teresa Carbone responsabile animazione Gal Tirreno Eolie e un esperto in legislazione olearia

Alle 19
Apertura Stand

Dalle 20,30 alle 00,30
Serata di musica e allegria con il gruppo “SMS Live Band”, nel corso della serata verrà offerto un assaggio di “Pani Caliatu, Mulinciani, Pumamuri Sicchi, Alivi e Na Schicciula di Vinu”

Domenica 17 novembre

Alle 9,30
Conclusione caccia al tesoro

Alle 11,30
Santa Messa con benedizione dei prodotti della terra

Alle 13
Siete tutti invitati a mangiare “A Pasta cu sucu ca sasizza e na schicciula di Vinu” con intrattenimento di musiche popolari a cura del gruppo “Liparayon” e Gruppo Folkloristico “Trinacria Bedda”

Alle 13
Concorso ai migliori “Sfinci i cucuzza” (antico dolce tipico delle Isole Eolie), coloro i quali desiderano partecipare possono consegnarli ai Dirigenti dell’Associazione durante il pranzo, saranno assaggiati e giudicati durante la giornata

Alle 14
Inizio gare e giochi popolari

Alle 19,30
Finale del Torneo paesano di Briscola e Tresette

Dalle 20,30 alle 00,30
Festa du Vinu ‘Nta Piazza con Musiche e Canti, “Pani e Sasizza, Vuni a Volontà” con il gruppo musicale “Liparayon”

Alle 22,30
Premiazioni varie, estrazione dei biglietti vincenti tra i sottoscrittori della Sagra.

Buona Sagra e buona Lipari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.