A Maniace per la "Sagra delle Pesche e delle Pere" | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Catania

Dal 26 al 28 luglio

A Maniace per la “Sagra delle Pesche e delle Pere” | IL PROGRAMMA

di
24 Luglio 2019

Il nostro viaggio, invece che le briciole di pane di Pollicino, celebre fiaba di Perrault, segue l’irresistibile profumo della “Sagra delle Pesche e delle Peredi Maniace (CT), che si svolge dal 25 al 27 luglio. Prima di tuffarci nella “natura naturata”, anzi maturata, qualche pillola su questo piccolo centro ricco di verde che appartiene al Parco dei Nebrodi.

Maniace

Durante la dominazione degli arabi fu conosciuto con il nome di Ghiran àd Daquiq; prese e conservò l’attuale nome, invece, a seguito della vittoria riportata, nel 1040, contro questi dal generale bizantino Giorgio Maniace. Dagli storici venne annoverata tra le “città lombarde” per aver accolto, nell’epoca normanna, una colonia proveniente dal Monferrato al seguito della contessa Adelasia, moglie di Ruggero I; Il geografo arabo, Al -Idrisi, vissuto alla corte del re normanno Ruggero II la descrisse come “villaggio in pianura, ben popolato, ricco di mercanti, territorio fertile e abbondante di ogni cosa”.

Col tempo ebbe tutti i requisiti che le consentirono di titolarsi “Magna universitas” e notorietà e splendore le furono aggiunti dalla presenza dell’Abazia benedettina di “Sancta Maria Maniacensis”, fatta costruire nel 1174 dal re Guglielmo il Buono su espresso desiderio della regina madre, Margherita di Navarra, che annoverò tra i suoi superiori quel Rodrigo Borgia che divenne, poi, papa con il nome di Alessandro VI. Va ricordato, inoltre, che gli abati del monastero maniacese godevano il diritto di sedere nel Parlamento siciliano, tra il braccio ecclesiastico, al XV posto.

Maniace Nelson

Legato a Maniace è il nome dell’ammiraglio Horatio Nelson a cui “Re Nasone” (Ferdinando IV di Borbone, re di Napoli dal 1759 al 1799, re di Sicilia dal 1759 al 1816, con il nome di Ferdinando III e Ferdinando I delle Due Sicilie, dopo l’unificazione delle due Monarchie), per ringraziarlo di aver stroncato la “Rivoluzione napoletana”, gli concesse il titolo di Duca di Bronte e il complesso di Santa Maria di Maniace. La proprietà, nota come Ducea di Nelson, passò ai suoi eredi, i Nelson Hood, visconti di Bridport. Un’altra curiosità è data da una leggenda popolare che avvolge la Sorgente del Medico chiamata così per le sue proprietà terapeutiche e benefiche.

Sagra delle Pesche e delle Pere

Maniace Sagra delle pesche e delle pere

La XXVI edizione Sagra delle Pesche e delle Pere, dal 26 al 28 luglio, repetita iuvant è, ormai un appuntamento irrinunciabile, che offre ai visitatori, sempre più numerosi, di ammirare questa splendida vallata collocata tra le pendici dell’Etna e il verde smeraldo dei Monti Nebrodi e godere di questa festa dai sapori, che fu istituita per la prima volta nell’agosto del 1994. Durante i giorni della manifestazione si avrà l’opportunità di poter stare a contatto con madre natura, passeggiando tra i maestosi boschi di querce e faggi, che rendono il clima fresco e animato da odori e colori che vi si imprimeranno nella mente, regalandovi benessere al vostro ritorno in città. La Sagra è magnifica vetrina per la promozione dei prodotti tipici del territorio quali pere e pesche, protagoniste di questa tre giorni e, ancora, ortaggi, salumi, tra cui la salsiccia di suino nero dei Nebrodi e formaggi locali.

 

PROGRAMMA

Venerdì 26 Luglio

Alle 19

Inaugurazione Sagra e degustazione gratuita delle Pesche e delle Pere

Alle 21

“La Corrida”

Sabato 27 Luglio

Alle 10

Apertura stand e degustazione delle Pesche e delle Pere

Alle 10:30

Visite guidate presso aziende agricole

Alle 12

Degustazione gratuita del gelato alla pesca

Alle 15:30

Escursioni guidate lungo sentiero saraceno

Alle 16

Escursione guidata “Parco Petrosino” alla scoperta degli antichi mestieri

Alle 17

Visite guidate presso aziende agricole

Alle 18:30

Degustazione del gelato alle pesche

Alle 19

A passo di Danza “Gara di Ballo”

Alle 21

“Katia Rizzo e Retrò Band”
(Concerto dedicato agli Anni 60 della musica italiana da cantare e ballare).

Domenica 28 Luglio

Alle 10

Apertura stand e degustazione gratuita pesche e pere

Alle 10:30

Escursione guidata a piedi e a cavallo

Alle 10:45

Visite guidate presso aziende agricole

Alle 11

Escursione guidata “Parco Petrosino” alla scoperta degli antichi mestieri

Alle 12

Degustazione gratuita del gelato alle pesche

Alle 15

Escursione guidata a piedi e a cavallo

Alle 15:30

Escursione guidata “Parco Petrosino”

Alle 18

Celebrazione Santa Messa

Alle 19

Degustazione della Maxi Torta

Alle 21
“Nino Fiorello in Concerto”

Filo diffusore ed escursione a cavallo per tutti e due i giorni. Le giornate saranno allietate da animazione lungo il corso.

Buona Sagra a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.