A Messina per raccontarvi la leggenda della Fata Morgana | Video servizio :ilSicilia.it
Messina

Una passeggiata nella città dello Stretto

A Messina per raccontarvi la leggenda della Fata Morgana | Video servizio

di
15 Marzo 2019

Guarda il video servizio in alto

Siamo nella “gettonata” Messina, alla fine del nostro racconto comprenderete il perché di questo aggettivo, per raccontarvi “La leggenda della Fata Morgana” che, dopo aver condotto il suo fratellastro Artù ai piedi dell’Etna, rimanendo incantata dal clima e dalla bellezza delle terre etnee e dal mare stupendo, decise di stabilirsi nel centro delle acque dello stretto di Messina dove, nel suo palazzo di cristallo, ospitò le fate e le buone maghe di tutto il Mediterraneo. In un agosto non imprecisato, mente nel cielo e sul mare non spiravano venti e l’afa creava una nebbiolina rossa che offuscava l’orizzonte, un’orda di conquistatori giunse sulle rive della città di Reggio.

A pochi chilometri, sull’altra sponda, sorgeva la Sicilia con una grande montagna fumante, l’Etna, che il re barbaro non poteva raggiungere per mancanza di imbarcazioni.

Ecco che, all’improvviso, si materializzò una femmina molto bella, Fata Morgana, chiamata anche la “fata delle acque“, che offrì al conquistatore l’isola che, con un suo cenno, apparve a due passi da lui. Il re, guardando nell’acqua, vedendo nitidamente i monti, le spiagge, le strade di campagna, le navi del porto e pensando di toccarli con un dito, balzò giù da cavallo e si gettò in mare, certo di poter raggiungere la Sicilia con un paio di bracciate. L’incanto, però, si spezzò e il barbaro affogò perché la sua visione non era che un miraggio prodotto da quella conturbante apparizione, la Fata Morgana che, in realtà, è un fenomeno che mostra dell’oggetto anche una sua immagine capovolta.

Messina, però sarebbe anche la città di William Shakespeare alias Michelangelo Florio e, quindi, immaginiamo la Sicilia, personificazione di una donna fiera e vanitosa, pronunciare questa battuta rivolta agli abitanti della Gran Bretagna: “Da Shakespeare a Re Artù, gira vota e furria, ma la vostra storia è sempre cosa mia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Ieri 19:26