A Messina per raccontarvi la leggenda della Fata Morgana | Video servizio :ilSicilia.it
Messina

Una passeggiata nella città dello Stretto

A Messina per raccontarvi la leggenda della Fata Morgana | Video servizio

di
15 Marzo 2019

Guarda il video servizio in alto

Siamo nella “gettonata” Messina, alla fine del nostro racconto comprenderete il perché di questo aggettivo, per raccontarvi “La leggenda della Fata Morgana” che, dopo aver condotto il suo fratellastro Artù ai piedi dell’Etna, rimanendo incantata dal clima e dalla bellezza delle terre etnee e dal mare stupendo, decise di stabilirsi nel centro delle acque dello stretto di Messina dove, nel suo palazzo di cristallo, ospitò le fate e le buone maghe di tutto il Mediterraneo. In un agosto non imprecisato, mente nel cielo e sul mare non spiravano venti e l’afa creava una nebbiolina rossa che offuscava l’orizzonte, un’orda di conquistatori giunse sulle rive della città di Reggio.

A pochi chilometri, sull’altra sponda, sorgeva la Sicilia con una grande montagna fumante, l’Etna, che il re barbaro non poteva raggiungere per mancanza di imbarcazioni.

Ecco che, all’improvviso, si materializzò una femmina molto bella, Fata Morgana, chiamata anche la “fata delle acque“, che offrì al conquistatore l’isola che, con un suo cenno, apparve a due passi da lui. Il re, guardando nell’acqua, vedendo nitidamente i monti, le spiagge, le strade di campagna, le navi del porto e pensando di toccarli con un dito, balzò giù da cavallo e si gettò in mare, certo di poter raggiungere la Sicilia con un paio di bracciate. L’incanto, però, si spezzò e il barbaro affogò perché la sua visione non era che un miraggio prodotto da quella conturbante apparizione, la Fata Morgana che, in realtà, è un fenomeno che mostra dell’oggetto anche una sua immagine capovolta.

Messina, però sarebbe anche la città di William Shakespeare alias Michelangelo Florio e, quindi, immaginiamo la Sicilia, personificazione di una donna fiera e vanitosa, pronunciare questa battuta rivolta agli abitanti della Gran Bretagna: “Da Shakespeare a Re Artù, gira vota e furria, ma la vostra storia è sempre cosa mia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin