A Messina per raccontarvi la leggenda della Fata Morgana | Video servizio :ilSicilia.it
Messina

Una passeggiata nella città dello Stretto

A Messina per raccontarvi la leggenda della Fata Morgana | Video servizio

di
15 Marzo 2019

Guarda il video servizio in alto

Siamo nella “gettonata” Messina, alla fine del nostro racconto comprenderete il perché di questo aggettivo, per raccontarvi “La leggenda della Fata Morgana” che, dopo aver condotto il suo fratellastro Artù ai piedi dell’Etna, rimanendo incantata dal clima e dalla bellezza delle terre etnee e dal mare stupendo, decise di stabilirsi nel centro delle acque dello stretto di Messina dove, nel suo palazzo di cristallo, ospitò le fate e le buone maghe di tutto il Mediterraneo. In un agosto non imprecisato, mente nel cielo e sul mare non spiravano venti e l’afa creava una nebbiolina rossa che offuscava l’orizzonte, un’orda di conquistatori giunse sulle rive della città di Reggio.

A pochi chilometri, sull’altra sponda, sorgeva la Sicilia con una grande montagna fumante, l’Etna, che il re barbaro non poteva raggiungere per mancanza di imbarcazioni.

Ecco che, all’improvviso, si materializzò una femmina molto bella, Fata Morgana, chiamata anche la “fata delle acque“, che offrì al conquistatore l’isola che, con un suo cenno, apparve a due passi da lui. Il re, guardando nell’acqua, vedendo nitidamente i monti, le spiagge, le strade di campagna, le navi del porto e pensando di toccarli con un dito, balzò giù da cavallo e si gettò in mare, certo di poter raggiungere la Sicilia con un paio di bracciate. L’incanto, però, si spezzò e il barbaro affogò perché la sua visione non era che un miraggio prodotto da quella conturbante apparizione, la Fata Morgana che, in realtà, è un fenomeno che mostra dell’oggetto anche una sua immagine capovolta.

Messina, però sarebbe anche la città di William Shakespeare alias Michelangelo Florio e, quindi, immaginiamo la Sicilia, personificazione di una donna fiera e vanitosa, pronunciare questa battuta rivolta agli abitanti della Gran Bretagna: “Da Shakespeare a Re Artù, gira vota e furria, ma la vostra storia è sempre cosa mia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.