16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.58

L'iniziativa del sindaco del paese etneo

A Milo nasce un comitato per salvaguardare i luoghi di Franco Battiato

7 Maggio 2019

Un comitato con nomi del mondo della cultura, della musica, dello spettacolo e del giornalismo, per salvaguardare il rapporto fra Milo, in provincia di Catania, e Franco Battiato.

Questo, lo scopo dell’iniziativa del sindaco di Milo, Alfio Cosentino, che ha dato vita al “Comitato Milo e Franco Battiato” che ha fra i suoi obiettivi quello di dar vita a una Fondazione dedicata alla figura poliedrica, multiforme e spirituale di questo grande artista.

Battiato, infatti, a Milo non ha solamente la residenza, ma un diretto collegamento con il “genius loci” della cittadina etnea. Da qualche settimana, inoltre, circola la notizia della messa in vendita della villa del grande artista e quel che si vuole scongiurare è, pertanto, anche che luoghi così cari a Battiato possano essere trattati alla stregua di proprietà senz’anima.

La tutela dell’anima e dell’identità dei luoghi, dunque, è alla base di questa iniziativa che sta già raccogliendo l’adesione di diverse personalità.

“È nostra intenzione – si legge nell’appello sottoscritto dal sindaco di Milo – portare avanti iniziative multidisciplinari ispirate a temi artistici, culturali, umani e filosofici che ripercorrano le molteplici attitudini dell’uomo Battiato, riservando un’attenzione particolare a ciò che, da sempre, lo ha maggiormente ispirato: l’ascesi e la tensione verso il Sacro“. 

“Ciò a cui si intende dare vita – scrive ancora il sindaco Cosentino – è un vero e proprio cenacolo creativo in cui coltivare Arte e Conoscenza. Obiettivo primario del Comitato, propedeutico alla Fondazione, è, come da statuto, la promozione di tutti i valori artistici e culturali, nonché dei luoghi, riconducibili al compositore siciliano e da cui egli è stato influenzato”.

LEGGI ANCHE

In vendita la casa di Franco Battiato a Milo e c’è chi chiede che la acquisti la Siae | VIDEO

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.