15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.57

L'iniziativa del sindaco del paese etneo

A Milo nasce un comitato per salvaguardare i luoghi di Franco Battiato

7 Maggio 2019

Un comitato con nomi del mondo della cultura, della musica, dello spettacolo e del giornalismo, per salvaguardare il rapporto fra Milo, in provincia di Catania, e Franco Battiato.

Questo, lo scopo dell’iniziativa del sindaco di Milo, Alfio Cosentino, che ha dato vita al “Comitato Milo e Franco Battiato” che ha fra i suoi obiettivi quello di dar vita a una Fondazione dedicata alla figura poliedrica, multiforme e spirituale di questo grande artista.

Battiato, infatti, a Milo non ha solamente la residenza, ma un diretto collegamento con il “genius loci” della cittadina etnea. Da qualche settimana, inoltre, circola la notizia della messa in vendita della villa del grande artista e quel che si vuole scongiurare è, pertanto, anche che luoghi così cari a Battiato possano essere trattati alla stregua di proprietà senz’anima.

La tutela dell’anima e dell’identità dei luoghi, dunque, è alla base di questa iniziativa che sta già raccogliendo l’adesione di diverse personalità.

“È nostra intenzione – si legge nell’appello sottoscritto dal sindaco di Milo – portare avanti iniziative multidisciplinari ispirate a temi artistici, culturali, umani e filosofici che ripercorrano le molteplici attitudini dell’uomo Battiato, riservando un’attenzione particolare a ciò che, da sempre, lo ha maggiormente ispirato: l’ascesi e la tensione verso il Sacro“. 

“Ciò a cui si intende dare vita – scrive ancora il sindaco Cosentino – è un vero e proprio cenacolo creativo in cui coltivare Arte e Conoscenza. Obiettivo primario del Comitato, propedeutico alla Fondazione, è, come da statuto, la promozione di tutti i valori artistici e culturali, nonché dei luoghi, riconducibili al compositore siciliano e da cui egli è stato influenzato”.

LEGGI ANCHE

In vendita la casa di Franco Battiato a Milo e c’è chi chiede che la acquisti la Siae | VIDEO

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.