"A Mondello frutti di mare non ne puoi vendere", così la mafia si impone in città | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

le regole di cosa nostra

“A Mondello frutti di mare non ne puoi vendere”, così la mafia si impone in città | VIDEO

22 Gennaio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Qua a Mondello frutti di mare non devi vendere”. La mafia impone così le sue regole sul territorio. Giuseppe Serio  tra i fermati stanotte nel blitz della Polizia – si era presentato una mattina da un venditore di frutti di mare nella borgata marinara di Palermo e gli ha imposto la chiusura della bottega.

La replica del commerciante: “Dimmi allora che devo fare per campare?”. E lui ribatteva. “Io sono stato in carcere. E adesso ci sono io”. Il mandamento di San Lorenzo imponeva così le sue regole.

Intimidazioni anche alle ditte edili che realizzavano abitazioni. La percentuale negli appalti era del 3%. Nel territorio di Calogero Lo Piccolo funzionava così.

 

LEGGI ANCHE:

Colpo alla mafia, due boss si pentono e scattano sette arresti | NOMI E VIDEO

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.