A Mondello musica al tramonto, una hola sulla spiaggia e fuochi d'artificio :ilSicilia.it
Palermo

Tre giornate ricche di emozioni e divertimento

A Mondello musica al tramonto, una hola sulla spiaggia e fuochi d’artificio

di
10 Agosto 2017

La Mondello Italo Belga organizza  domani, venerdì 11 agosto, una serata esclusiva sulla bella terrazza che si apre dinanzi all’ingresso dell’Antico Stabilimento balneare.

Lo spunto sarà dato dalle note jazz del duo formato dalla cantante Kate Worker & dal pianista Riccardo Randisi che per l’occasione si uniranno al batterista Guna per un repertorio raffinato e trasversale composto da arrangiamenti originali e da colori squisitamente super partes.
E poco prima del concerto – preludio al Castelbuono Jazz Festival – e dell’elegante cena buffet prevista, sarà possibile scoprire i segreti dell’Antico Stabilimento liberty costruito cento anni fa. Previsti tre turni di visita, a cura di guide accreditate e storici, da prenotare all’infopoint con la cena e il concerto.
Si avvicina Ferragosto: in attesa dei tradizionali fuochi d’artificio della sera del 15, i GEM (Guest Experience Manager) della Italo Belga – i giovani che curano i rapporti con gli ospiti delle spiagge – hanno organizzato per lunedì mattina (14 luglio) un’unica, lunghissima catena umana che dal lido Valdesi raggiungerà lo Stabilimento Balneare. Alle 11, ad un segnale da Valdesi, partirà una festosa Hola che coinvolgerà tutta la spiaggia e finirà in un unico tuffo – quindi tecnicamente un… HUFFO, dicono i GEM – , divertente e coinvolgente, per sentirsi tutti uguali. Chiunque potrà partecipare, grandi e piccini, bagnanti e bagnini: basterà raggiungere il bagnasciuga e prendersi per mano.
Infine, i fuochi: la sera di martedì (15 agosto) dalle 23,30, illumineranno l’intero golfo, organizzati dalla Mondello Italo Belga nel giorno della festa dell’Assunta, che si celebra nella borgata marinara. Le aree delle spiagge attrezzate saranno chiuse al pubblico.
Un passo indietro, e ritorniamo al concerto di venerdì, preludio alla XX edizione del Castelbuono Jazz Festival in programma dal 16 al 23 agosto nella cittadina madonita.
Gli arrangiamenti del duo offrono sfumature pop funk e soul. Kate Worker e Riccardo Randisi  spazieranno dai più noti standard jazz americani, strizzando un occhio ad alcune indimenticabili song di Frank Sinatra come I’ve got you under My skin, Night and day, Fly me to the Moon, passando da Jobim e Cole Porter, per arrivare agli scioglilingua del trio vocale statunitense Lambert, Hendricks & Ross fino ad una incursione nel repertorio pop che ha segnato la formazione musicale di Kate fin dalle sue prime giovani live performance, con un tributo personalizzato ad autori come Sting, The Police e Pino Daniele.
Il progetto INDUE ha la caratteristica di mixarsi di volta in volta con svariati musicisti del panorama jazzistico e non solo. In questa performance Randisi e Worker saranno affiancati dal versatile percussionista Sergio Guna Cammalleri, che collabora stabilmente con le orchestre del Massimo e della Sinfonica. Poco prima del concerto e della cena, la visita all’Antico Stabilimento liberty costruito cento anni fa. Prenotazioni all’infopoint con la cena e il concerto.
Biglietti: 25 euro.
Clienti Mondello Italo Belga, Euroyachting, Blue club: 20 euro
ℹ Info e prenotazioni all’infopoint davanti l’Antico Stabilimento Balneare o al numero +39 349 718 4458, attivo dalle 9 alle 20.
© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.