A Mondello musica al tramonto, una hola sulla spiaggia e fuochi d'artificio :ilSicilia.it
Palermo

Tre giornate ricche di emozioni e divertimento

A Mondello musica al tramonto, una hola sulla spiaggia e fuochi d’artificio

di
10 Agosto 2017

La Mondello Italo Belga organizza  domani, venerdì 11 agosto, una serata esclusiva sulla bella terrazza che si apre dinanzi all’ingresso dell’Antico Stabilimento balneare.

Lo spunto sarà dato dalle note jazz del duo formato dalla cantante Kate Worker & dal pianista Riccardo Randisi che per l’occasione si uniranno al batterista Guna per un repertorio raffinato e trasversale composto da arrangiamenti originali e da colori squisitamente super partes.
E poco prima del concerto – preludio al Castelbuono Jazz Festival – e dell’elegante cena buffet prevista, sarà possibile scoprire i segreti dell’Antico Stabilimento liberty costruito cento anni fa. Previsti tre turni di visita, a cura di guide accreditate e storici, da prenotare all’infopoint con la cena e il concerto.
Si avvicina Ferragosto: in attesa dei tradizionali fuochi d’artificio della sera del 15, i GEM (Guest Experience Manager) della Italo Belga – i giovani che curano i rapporti con gli ospiti delle spiagge – hanno organizzato per lunedì mattina (14 luglio) un’unica, lunghissima catena umana che dal lido Valdesi raggiungerà lo Stabilimento Balneare. Alle 11, ad un segnale da Valdesi, partirà una festosa Hola che coinvolgerà tutta la spiaggia e finirà in un unico tuffo – quindi tecnicamente un… HUFFO, dicono i GEM – , divertente e coinvolgente, per sentirsi tutti uguali. Chiunque potrà partecipare, grandi e piccini, bagnanti e bagnini: basterà raggiungere il bagnasciuga e prendersi per mano.
Infine, i fuochi: la sera di martedì (15 agosto) dalle 23,30, illumineranno l’intero golfo, organizzati dalla Mondello Italo Belga nel giorno della festa dell’Assunta, che si celebra nella borgata marinara. Le aree delle spiagge attrezzate saranno chiuse al pubblico.
Un passo indietro, e ritorniamo al concerto di venerdì, preludio alla XX edizione del Castelbuono Jazz Festival in programma dal 16 al 23 agosto nella cittadina madonita.
Gli arrangiamenti del duo offrono sfumature pop funk e soul. Kate Worker e Riccardo Randisi  spazieranno dai più noti standard jazz americani, strizzando un occhio ad alcune indimenticabili song di Frank Sinatra come I’ve got you under My skin, Night and day, Fly me to the Moon, passando da Jobim e Cole Porter, per arrivare agli scioglilingua del trio vocale statunitense Lambert, Hendricks & Ross fino ad una incursione nel repertorio pop che ha segnato la formazione musicale di Kate fin dalle sue prime giovani live performance, con un tributo personalizzato ad autori come Sting, The Police e Pino Daniele.
Il progetto INDUE ha la caratteristica di mixarsi di volta in volta con svariati musicisti del panorama jazzistico e non solo. In questa performance Randisi e Worker saranno affiancati dal versatile percussionista Sergio Guna Cammalleri, che collabora stabilmente con le orchestre del Massimo e della Sinfonica. Poco prima del concerto e della cena, la visita all’Antico Stabilimento liberty costruito cento anni fa. Prenotazioni all’infopoint con la cena e il concerto.
Biglietti: 25 euro.
Clienti Mondello Italo Belga, Euroyachting, Blue club: 20 euro
ℹ Info e prenotazioni all’infopoint davanti l’Antico Stabilimento Balneare o al numero +39 349 718 4458, attivo dalle 9 alle 20.
© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin