A Monforte San Giorgio per l'inebriante "Giro delle Botti e dei Catoj" | Il programma :ilSicilia.it
Messina

Il 16 e 17 novembre un salto nella tradizione

A Monforte San Giorgio per l’inebriante “Giro delle Botti e dei Catoj” | Il programma

14 Novembre 2019

Alla vostra Patti Holmes ci sono delle manifestazioni che le si imprimono indelebilmente nella memoria e questo è il caso del “Giro delle Botti e dei Catoj“ che ha luogo, come ogni anno, a Monforte San Giorgio (ME), i cui abitanti sono divisi tra il centro e le due frazioni Pellegrino e Monforte Marina. Il 16 e 17 novembre siete pronti a immergervi nella inebriante atmosfera di questo luogo ricco di tradizione e di storia?

Monforte San Giorgio

Monforte San Giorgio

Monforte è un piccolo centro che sorge a 260 metri sul livello del mare sulle pendici del colle su cui, non lontano dalla strada che porta al santuario dell’Immacolata, gli archeologici hanno individuato alcune grotte che erano state adibite a tombe dagli antichi abitatori della Sicilia, i Sicani. Il suo nucleo ebbe origine durante la resistenza all’occupazione della Sicilia da parte dei Mussulmani che, a Monforte, fu organizzata dai monaci bizantini, fuggiti dall’Oriente per sottrarsi alle persecuzioni durante una nuova recrudescenza dell’iconoclastia, lotta alle immagini sacre, (813-820).

Trovato asilo nelle grotte, precedentemente usate dai Sicani come sepolture, diedero vita a due comunità religiose organizzate secondo le regole di San Basilio da Cesarea. Al primo apparire del pericolo mussulmano, le comunità monastiche costruirono un castello sull’alto del colle e diedero vita a due distinti monasteri: quello di San Nicola e quello di Sant’Anna. La sua economia, prettamente agricola, si basa su agrumeti, uliveti e nell’area marina sulla smergia o sbergia, una pesca nettarina dal sapore unico, tipica dell’area tirrenica messinese compresa tra Monforte Marina e San Pier Niceto.

Monforte San Giorgio

Il Giro delle Botti e dei Catoj

Il “Giro delle Botti e dei Catoj“, sagra dei prodotti delle terre di Monforte organizzata dal Gruppo Katabba, Associazione Storico Culturale ed Artistica, è uno degli eventi tra i più attesi del panorama autunnale siciliano che vede aumentare, di anno in anno, il numero di visitatori che vanno alla scoperta di questo suggestivo borgo, dei suoi incantevoli vicoli, della cultura contadina e gastronomica delle Terre di Monforte e delle Terre di Sicilia, dei colori, profumi e sapori di un tempo, al suono delle musiche di stornellatori, friscalettari, giaramiddari e gruppi folk.

Durante la manifestazione, che intende dare visibilità al patrimonio materiale e immateriale Monfortese, si potranno visitare i Catoj, aperti per l’occasione, dove le architetture delle case riservano sorprese continue: archi a botte e a crociera, a sesto ribassato e, soprattutto, botti di tutti i tipi. Una festa del sapore, giunta alla sua 10^ edizione, in cui trovano posto apicoltori, allevatori con i propri formaggi e salumi, produttori di vini e tanto altro. L’impianto urbanistico di impostazione arabo-medievale, inoltre, presenta stradine così strette che, in alcuni casi, permettono il passaggio di uno per volta e piccoli cortili interni.

Questa manifestazione nasce, in occasione di una serata di San Martino, dalla convivialità di alcuni amici che, in piazza, decisero di fare il giro delle botti di ognuno per assaggiare il vino e il cumpanaggiannu. Da qui la tradizione di far rivivere quella serata, anno per anno, bevendo vino, mangiando in compagnia e ballando al suono di musiche tradizionali. Se ancora non foste invogliati, cosa impossibile, a festeggiare in questo weekend con i monfortesi , eccovi il programma dettagliato che vi toglierà ogni dubbio in proposito.

 

IL PROGRAMMA

Sabato 16 novembre

Dalle 18,30

Apertura Giro delle Botti 2019

Apertura varco di accesso al percorso del “Giro delle Botti e dei Catoj” con degustazione di vini, pietanze e specialità culinarie dei prodotti delle “Terre di Monforte”

Inizio spettacoli dei gruppi musicali, folkloristici, cantastorie, friscaletti siciliani, che allieteranno la permanenza durante tutti il percorso, balli, canti e musica dell’antica tradizione popolare siciliana

Domenica 17 novembre

Alle 10,30

Visita guidata al borgo antico, ai beni storico-culturali, alle chiese principali, al Duomo, al Colle Immacolata, agli ipogei, alle grotte di epoca bizantina e alla Chiesa della Madonna Immacolata

Alle 11 – Duomo

Celebrazione della Santa Messa

Alle 12,30

Apertura Sagra

Dalle 17

Apertura Giro delle Botti 2019

Apertura varco di accesso al percorso del “Giro delle Botti e dei Catoj” con degustazione di vini, pietanze e specialità culinarie dei prodotti delle “Terre di Monforte”

Inizio spettacoli dei gruppi musicali, folkloristici, cantastorie, friscaletti siciliani, che allieteranno la permanenza durante tutti il percorso, balli, canti e musica dell’antica tradizione popolare siciliana

Alle 23

Chiusura Giro delle Botti 2019

Memorizzate: il 16 e il 17 novembre la magia di Monforte San Giorgio vi aspetta.

[Foto copertina di Antonio Spadaro]

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.