A Noto le mostruosità della contemporaneità, in scena "Contro il Progresso" :ilSicilia.it
Siracusa

AL TEATRO TINA DI LORENZO

A Noto le mostruosità della contemporaneità, in scena “Contro il Progresso”

di
6 Dicembre 2019

Sabato 7 dicembre 2019 alle 20.45, presso il Teatro Tina di Lorenzo di Noto, andrà in scena Contro il progresso. 

Uno spettacolo che ha fatto il suo debutto in prima nazionale al Teatro Libero lo scorso 21 novembre. “Contro il Progresso”  è guidato in regia da Giuseppe Massa, con la drammaturgia di Margherita Ortolani ed è interpretato da Glory Arekekhuegbe, Emiliano Brioschi, Salvatore Tringali; le scene e i costumi sono di Mela Dell’Erba; il suono di Giuseppe Rizzo; le luci di Michele Ambrose e la videografica di Tommaso Arosio.

Contro il ProgressoLo spettacolo è una co-produzione del Teatro Libero Palermo con la Fondazione Teatro Tina di Lorenzo di Noto e la compagnia Sutta Scupa.

LO SPETTACOLO

Sette sketch raccontano le mostruosità della contemporaneità con un tono leggero e distaccato che affonda le radici nella tradizione surrealista spagnola, in particolare catalana.

Contro il progresso – spiega Giuseppe Massa, regista dello spettacolodisegna un mondo che va “oltre l’umano”: l’amore tra due persone è formalizzato da un contratto a tempo determinato; in un capovolgimento di crudeltà una foca uccide un neonato; gli ultimi non sono più persone ma un passatempo per la massa dei ben pensanti. Ho immaginato una cornice estetica generale che potesse contenere i sette sketch, in un contesto scenico ipertecnologico in cui la quotidianità si trasforma in un presente futuribile e spiazzante”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.