23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

Appuntamento dal 7 al 9 giugno

A Palermo “BeerBubbles”, il festival della birra artigianale

21 Maggio 2018

Venti birrifici, 100 tipi di birra da assaporare, 10 stand gastronomici, circa 120 ettolitri che – si stima – saranno spillati nel corso dei tre giorni del Festival “BeerBubbles”, in programma a Palermo dal 7 al 9 giugno in via Maqueda, dai Quattro Canti fino a via Torino, che sarà chiusa dalle 12 a mezzanotte.

BeerBubblesDopo il successo delle due manifestazioni precedenti, la terza edizione del Festival della birra artigianale organizzato da Bauhaus Ev, in collaborazione con Extra Hop e con il Comune di Palermo, torna, in un’area diversa da quella precedentemente utilizzata, che il Comune ha appositamente destinato per valorizzare la zona dell’Albergheria e del mercato di Ballarò.

L’appuntamento, imperdibile per ogni appassionato, è a ingresso gratuito: con la prima degustazione si potrà acquistare con due euro in più un bicchiere in policarbonato serigrafato con il logo dell’evento, che sarà risciacquato dopo ogni consumazione e  dunque riutilizzabile a tutela dell’ambiente. Ogni assaggio “alla spina” avrà costi differenti: due euro per 20 cl e 4 per 40 cl. E non mancano le curiosità: dalla birra fatta con frumento siciliano e scorze di arancia a quella alla liquirizia; dalle arance e fave di cacao a quella dal sapore esotico del mango.

“BeerBubbles” è un viaggio alla scoperta dell’offerta di aziende italiane e internazionali con un occhio attento alla produzione della birra artigianale “made in Sicily, in una regione e in un paese, come l’Italia, in cui il vino è sempre stato padrone incontrastato.

Ogni tipo di birra, che verrà raccontata per le proprie peculiarità soprattutto come elemento da abbinare al cibo, si distingue per gli elevati standard qualitativi, per l’utilizzo di materie prime selezionate, per il monitoraggio del processo produttivo ed il meticoloso rispetto dei tempi tecnici di fermentazione e di maturazione.

Le performance – sottolinea Alessia Billitteri, responsabile dell’organizzazione – verranno realizzate in acustico, ovvero senza l’utilizzo di amplificazione, per venire incontro alle esigenze dei residenti che vivono in quell’area della città. Per noi è prioritario creare un clima di sinergia, non solo con i residenti e le attività commerciali, ma con i cittadini che verranno tempestivamente informati, tramite il supporto del Comune di Palermo, su eventuali modifiche relative alla chiusura al traffico nei giorni e negli orari del Festival”.

Oltre ai birrifici, il palinsesto nel salotto cittadino, nel cuore del “Percorso Arabo-Normanno”, sarà animato da ben 36 ore di esibizioni di artisti da strada e dall’apertura straordinaria dei siti culturali presenti lungo il percorso come la Chiesa di San Giuseppe dei Teatini, l’Archivio Storico Comunale e il Miqweh (Bagno Ebraico). Ma saranno organizzate anche conferenze e laboratori per proporre a palermitani e turisti alcuni momenti di confronto, approfondimento e dibattito che coinvolgeranno tecnici ed esperti del settore e rappresentanti delle associazioni di categoria.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.