A Palermo c'è chi non vuole più Orlando come Sindaco: "Mandiamolo a casa, c'è una città in ginocchio" :ilSicilia.it
Palermo

È stata creata anche una pagina Facebook

A Palermo c’è chi non vuole più Orlando come Sindaco: “Mandiamolo a casa, c’è una città in ginocchio”

di
24 Agosto 2018

Impazza la polemica social contro il sindaco di Palermo, è stata addirittura creata una pagina su Facebook dal nome “Mandiamo a casa Orlando. Sfiducia popolare” che sta ricevendo diversi consensi dai palermitani stanchi della politica del primo cittadino che vedrebbe trascurare su più fronti la città.

sfiducia-popolare-contro-orlandoL’immagine di copertina e la descrizione che è possibile trovare tra le info della pagina parlano chiaro: “Occorre manifestare la volontà di cambiamento dei Palermitani. Stanchi di un sindaco che non lo sa fare, vogliamo mandarlo a casa con una #SfiduciaPopolare”.
post-sfiducia-popolareIn un post pubblicato in queste ore in cui parte di Palermo sta “affondando” a causa delle violenti piogge chi ha creato la pagina ha scritto: “PALERMO È SOMMERSA DALL’ACQUA. Siamo soltanto ad agosto e la città è in ginocchio. Mancanza di manutenzione, pulizia e programmazione provocano tutto ciò. #Palermo è un mega acquapark. In inverno cosa succederà? Se siete stanchi di questa situazione, condividete e fate girare. Mandiamo a casa Orlando“.

A questo post non sono mancati i commenti di alcuni palermitani delusi e amareggiati nel vedere a Palermo fiumi di rifiuti, fango e liquami.

E proprio a proposito dei disagi soprattutto nella zona nord della città causati dai temporali, Anna Maria D’Amico in un altro post pubblicato sulla

partanna-mondello
Inizio lavori Partanna Mondello nel 2016

pagina dell’associazione comitati civici Palermo di cui lei è parte scrive: “Due anni fa sorridevamo amaramente guardando questa foto (a destra) dal sapore trionfalistico, con sindaco, vicesindaco e politici locali gongolanti per un’opera che avrebbe dovuto salvare Mondello e le borgate limitrofe dagli allagamenti continui.

Sorridevamo – continua – perché avevamo intuito che si trattava di lavori non risolutivi, anche con la consulenza di un esperto del settore, che ci spiegò in modo dettagliato perché questi lavori, annunciati con toni trionfalistici, non sarebbero serviti a risolvere il problema. Oggi le strade di Partanna, Mondello, Pallavicino sono come fiumi in piena, lo vediamo dai tanti video postati sui social. Nessuno è responsabile? E quella foto con i nostri amministratori soddisfatti e sorridenti davanti al cantiere che doveva rappresentare La soluzione, come la dobbiamo intendere? Io, da cittadina contribuente, mi sento presa per i fondelli”. 

orlandoProprio per quanto riguarda gli allagamenti c’è chi ironizza con fotomontaggi che hanno un retrogusto amaro per la situazione difficile in cui versa Palermo.

 

 

LEGGI ANCHE:

Maltempo a Palermo: interi quartieri immersi nei liquami e persone bloccate “sopra” le auto | Video

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.