A Palermo c'è chi non vuole più Orlando come Sindaco: "Mandiamolo a casa, c'è una città in ginocchio" :ilSicilia.it
Palermo

È stata creata anche una pagina Facebook

A Palermo c’è chi non vuole più Orlando come Sindaco: “Mandiamolo a casa, c’è una città in ginocchio”

di
24 Agosto 2018

Impazza la polemica social contro il sindaco di Palermo, è stata addirittura creata una pagina su Facebook dal nome “Mandiamo a casa Orlando. Sfiducia popolare” che sta ricevendo diversi consensi dai palermitani stanchi della politica del primo cittadino che vedrebbe trascurare su più fronti la città.

sfiducia-popolare-contro-orlandoL’immagine di copertina e la descrizione che è possibile trovare tra le info della pagina parlano chiaro: “Occorre manifestare la volontà di cambiamento dei Palermitani. Stanchi di un sindaco che non lo sa fare, vogliamo mandarlo a casa con una #SfiduciaPopolare”.
post-sfiducia-popolareIn un post pubblicato in queste ore in cui parte di Palermo sta “affondando” a causa delle violenti piogge chi ha creato la pagina ha scritto: “PALERMO È SOMMERSA DALL’ACQUA. Siamo soltanto ad agosto e la città è in ginocchio. Mancanza di manutenzione, pulizia e programmazione provocano tutto ciò. #Palermo è un mega acquapark. In inverno cosa succederà? Se siete stanchi di questa situazione, condividete e fate girare. Mandiamo a casa Orlando“.

A questo post non sono mancati i commenti di alcuni palermitani delusi e amareggiati nel vedere a Palermo fiumi di rifiuti, fango e liquami.

E proprio a proposito dei disagi soprattutto nella zona nord della città causati dai temporali, Anna Maria D’Amico in un altro post pubblicato sulla

partanna-mondello
Inizio lavori Partanna Mondello nel 2016

pagina dell’associazione comitati civici Palermo di cui lei è parte scrive: “Due anni fa sorridevamo amaramente guardando questa foto (a destra) dal sapore trionfalistico, con sindaco, vicesindaco e politici locali gongolanti per un’opera che avrebbe dovuto salvare Mondello e le borgate limitrofe dagli allagamenti continui.

Sorridevamo – continua – perché avevamo intuito che si trattava di lavori non risolutivi, anche con la consulenza di un esperto del settore, che ci spiegò in modo dettagliato perché questi lavori, annunciati con toni trionfalistici, non sarebbero serviti a risolvere il problema. Oggi le strade di Partanna, Mondello, Pallavicino sono come fiumi in piena, lo vediamo dai tanti video postati sui social. Nessuno è responsabile? E quella foto con i nostri amministratori soddisfatti e sorridenti davanti al cantiere che doveva rappresentare La soluzione, come la dobbiamo intendere? Io, da cittadina contribuente, mi sento presa per i fondelli”. 

orlandoProprio per quanto riguarda gli allagamenti c’è chi ironizza con fotomontaggi che hanno un retrogusto amaro per la situazione difficile in cui versa Palermo.

 

 

LEGGI ANCHE:

Maltempo a Palermo: interi quartieri immersi nei liquami e persone bloccate “sopra” le auto | Video

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin