26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.39
Palermo

l'evento si è tenuto il 21 giugno

A Palermo grande successo per la “Festa della Musica, contro le mafie e le discriminazioni”

26 Giugno 2019

Il 21 giugno 2019 il Movimento Internazionale per la giustizia a tutela dei diritti umani, insieme all’associazione Unione Sociale e all’associazione Thelo di Marsala ha organizzato una manifestazione la “Festa della Musica” promossa dal Ministero dei Beni e le attività culturali, nei locali di un bene confiscato alla mafia – a Palermo.

Gli ospiti sono stati moderati dal professore Paolo Calabrese cultore in scienze criminologiche – responsabile dell’ambito “Diritti UmaniFondazione Caponnetto.

La partecipazione di bravi musicisti e coristi “espressione di diversi generi musicali hanno dato all’evento un taglio musicale particolarmente armonioso ed avvolgente, consentendo a tutti i presenti di dare e ricevere messaggi di solidarietà e di speranza ponendo le basi di una partecipazione attiva e affermazione di una libera serenità interiore, elementi propositivi che aiutano a capire ancora meglio la verità, la legalità e l’equità sociale. È  stata determinante la collaborazione” afferma il professore Calabrese.

Della musicoterapeutica, dottoressa M. Pia Culicchia, che con maestrale regia operativa ha saputo armonizzare i solisti – Il coro folkloristico del CentroMadre del Divino Amore” diretto dalla dottoressa Maria Giovanna La Mandria,  il corpo bandistico A. Toscanini di Partinico diretto da Francesca Cuspoli.

L’evento é stato inserito negli eventi speciali del MIBAC 2019.

 

LEGGI ANCHE:

A Palermo la “Festa della musica: contro le mafie e le discriminazioni”

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.