A Palermo il corteo per dire basta alla violenza sulle donne | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

molte persone in piazza

A Palermo il corteo per dire basta alla violenza sulle donne | FOTO

di
25 Novembre 2018

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una marea rosa ha inondato il centro storico di Palermo. Un nutrito corteo, composto di non sole donne, ha così gridato  ancora una volta NO alla violenza di genere in tutte le sue forme.

Una violenza che comincia nel privato, tra le mura domestiche, ma si infiltra impietosamente in ogni ambito della società e diventa sempre più strumento politico di predominio, fomentando disuguaglianze, sfruttamento, solitudine.

In concomitanza con la Manifestazione Nazionale di Non una di meno a Roma, la protesta indetta dalla stessa Assemblea ha preso il via da piazza Giuseppe Verdi, e proseguito tra testimonianze, cori e striscioni fino a piazza Pretoria.

 

E a proposito di violenza, aumenta l’età media delle vittime, che nel 2018 raggiunge il suo valore più alto: 52 anni. Più precisamente, stando all’aggiornamento statistico sul fenomeno curato dall’Eures, da gennaio a ottobre si sono verificati 106 casi di femminicidio, uno ogni 72 ore; il 7% in meno dello stesso periodo nel 2017, quando se ne erano calcolati 114.

Ed ancora, i femminicidi sono saliti a più del 37% del totale degli omicidi commessi in Italia, con un 79,2% di femminicidi familiari e un 70,2% di femminicidi di coppia. L’area più a rischio è soprattutto il Nord, mentre a livello provinciale, Roma, come lo scorso anno, mantiene il primato di territorio più “pericoloso”.
Dall’Europa, e più precisamente dagli esperti di Grovio (Group of Experts on Action against Violence against Women and Domestic Violence), inoltre l’accusa al Bel Paese di una scarsa preparazione e di interventi a macchia di leopardo.

 

“Il nostro è un lavoro quotidiano, – ha infine concluso Claudia Borgia – una lotta continua, un percorso di sensibilizzazione e di ‘educazione’ sul rispetto della persona. Non si deve abbassare la guardia. Dobbiamo invece prendere posizione, sopratutto in un momento storico come questo.”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin