A Palermo il corteo per dire basta alla violenza sulle donne | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

molte persone in piazza

A Palermo il corteo per dire basta alla violenza sulle donne | FOTO

25 Novembre 2018
'
'
'
'

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una marea rosa ha inondato il centro storico di Palermo. Un nutrito corteo, composto di non sole donne, ha così gridato  ancora una volta NO alla violenza di genere in tutte le sue forme.

Una violenza che comincia nel privato, tra le mura domestiche, ma si infiltra impietosamente in ogni ambito della società e diventa sempre più strumento politico di predominio, fomentando disuguaglianze, sfruttamento, solitudine.

In concomitanza con la Manifestazione Nazionale di Non una di meno a Roma, la protesta indetta dalla stessa Assemblea ha preso il via da piazza Giuseppe Verdi, e proseguito tra testimonianze, cori e striscioni fino a piazza Pretoria.

 

E a proposito di violenza, aumenta l’età media delle vittime, che nel 2018 raggiunge il suo valore più alto: 52 anni. Più precisamente, stando all’aggiornamento statistico sul fenomeno curato dall’Eures, da gennaio a ottobre si sono verificati 106 casi di femminicidio, uno ogni 72 ore; il 7% in meno dello stesso periodo nel 2017, quando se ne erano calcolati 114.

Ed ancora, i femminicidi sono saliti a più del 37% del totale degli omicidi commessi in Italia, con un 79,2% di femminicidi familiari e un 70,2% di femminicidi di coppia. L’area più a rischio è soprattutto il Nord, mentre a livello provinciale, Roma, come lo scorso anno, mantiene il primato di territorio più “pericoloso”.
Dall’Europa, e più precisamente dagli esperti di Grovio (Group of Experts on Action against Violence against Women and Domestic Violence), inoltre l’accusa al Bel Paese di una scarsa preparazione e di interventi a macchia di leopardo.

 

“Il nostro è un lavoro quotidiano, – ha infine concluso Claudia Borgia – una lotta continua, un percorso di sensibilizzazione e di ‘educazione’ sul rispetto della persona. Non si deve abbassare la guardia. Dobbiamo invece prendere posizione, sopratutto in un momento storico come questo.”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.