A Palermo il “Festival delle culture”: due giorni di musica, mostre e dibattiti :ilSicilia.it
Palermo

il 29 e il 30 giugno

A Palermo il “Festival delle culture”: due giorni di musica, mostre e dibattiti

di
22 Giugno 2019

Approda a Palermo il “Festival delle culture”, due giorni di musica, mostre e dibattiti per parlare di inclusione e diritti civili. Nell’ambito del progetto “Hostis-Hospes. Connecting people for a Europe of Diversities”, finanziato dal programma europeo: Diritti, Uguaglianza, Cittadinanza, nasce l’idea di regalare alla città un fine settimana di suoni, danze, colori e sapori dal mondo.

Il Festival sarà ospitato a Palermo il 29 e il 30 giugno in via Ponte di mare 49, all’interno della Casa della Cooperazione, un bene confiscato alla mafia affidato al Ciss (Centro di Cooperazione Internazionale sud sud) e sarà organizzato con la collaborazione dell’Associazione Quarto Tempo che da anni opera nel settore socio-culturale del capoluogo siciliano.

Un viaggio interattivo e coinvolgente attraverso i sapori , i colori e le tradizioni dei popoli del mondo.

Tanti i concerti, le esposizioni fotografiche, le danze, le degustazioni gratuite dei cibi dal mondo e gli spettacoli per ragazzi che animeranno gli spazi della Casa di fronte al mare, in una due giorni tutta da vivere attraverso un unico filo conduttore: la ricchezza delle differenze.

Il programma, fitto di eventi, prevede per il 29 giugno tra gli altri il concerto live di Doudou Diouf, un racconto bellissimo attraverso le melodie, da lui composte, della cultura africana, passando dal Senegal al Mali, alla Guinea alla Costa D’Avorio.

Il 30 giugno sarà la volta di Alessio Alessandra in un duo di teatro e canzone, a seguire i Mantropìa, una realtà musicale che ama giocare con l’orecchio di chi li ascolta proponendo in chiave del tutto originale arrangiamenti che sono delle vere e proprie chicche. Dallo Swing al Jazz, dal Funky al Rockabilly passando anche per il Soul, sono un quintetto di elementi che emana brio in ogni occasione.

Un fine settimana all’insegna dell’arte e della cultura dedicate a tutti coloro che credono che un mondo senza barriere né frontiere possa esistere. L’ingresso al Festival delle culture è libero.

 

PROGRAMMA

Sabato 29 Giugno

Ore 17.00

Apertura attività e inaugurazione spazi espositivi e mostra fotografica.

Ore 17.30

Presentazione Evento e proiezione documentario sui Balcani con il collettivo Gipsy kokè

Ore 19.30

Degustazione Arabo Palestinese a cura di Al Quds-La casa della cultura araba

21.00

Concerto Live Doudou Diouf – Musica tradizionale dell’Africa Occidentale (Senegal)

A seguire: danza giamaicana a cura di Giorgio Lopes, Liliana Di Cristina e Alessandra Gelardi.

22.30

Pacha Kama – Folk Sudamericano(Italia-Argentina)-

Alle 24.00 , DJ set world music con Dj Ajde -Davy Deglave (Francia) .Vibrazioni giamaicane & elettroniche alle terre cubane e dei Balcani. Ska, balkan, afro, world music, boogaloo, rock, funk, dub, reggae, elettronica

Domenica 30 Giugno

17.00 – 19.00

Animazione per bambini e ragazzi a cura di Pietro Tutone dal titolo “Fantasia, il teatro che unisce. Teatro e movimento creativo.”

19.30

Degustazione Mediterranea

Alessio Alessandra duo – musica d’autore e teatro-canzone. (Italia)

 

21.00

Esibizione della “Compagnia di ballo popolare” accompagnata da Valentina Gnizio, tamburo e voce e Fabrizio Augugliaro fisarmonica (Sicilia-Puglia)

Ore 22.30

Mantropia – Swing, Jazz, Funky, Rockabilly

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.