A Palermo il seminario "Accrescere le potenzialità del sito Unesco arabo-normanno" :ilSicilia.it
Palermo

Per la valorizzazione del patrimonio artistico palermitano

A Palermo il seminario “Accrescere le potenzialità del sito Unesco arabo-normanno”

28 Marzo 2018

Nell’ambito di Palermo capitale Italiana della Cultura 2018, giovedì 29 marzo dalle 16 all’Oratorio SS. Elena e Costantino, nel corso del seminario su “Accrescere le potenzialità del sito UNESCO arabo normanno”, si parlerà della possibilità di inserire nel percorso altri monumenti che hanno tutte le qualità, ma non sono ancora nelle condizioni di garantire un’apertura e uno stato adeguati.

unesco
Cattedrale di Palermo, tomba di Costanza  d’Altavilla, particolare del baldacchino

Lo sguardo verrà puntato innanzitutto sul Castello a Mare, poi sulla Cuba, il Castello di Maredolce con il Parco della Favara; la chiesa di Santa Maria della Maddalena e la Magione. Ma anche la Cuba Soprana e la piccola Cuba di Villa Napoli; la cappella di Santa Maria l’Incoronata; la chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi; la chiesa di Santo Spirito, Santa Caterina la Vetere, poi i qanat e i bagni di Cefalà  Diana.

Tra tutti monumenti arabo-normanni esistenti, nell’ambito della candidatura UNESCO ne sono stati selezionati nove: Palazzo Reale e la Cappella Palatina; la Cattedrale; San Giovanni degli Eremiti; La Zisa; la Martorana; San Cataldo; Ponte dell’Ammiraglio; il duomo e il chiostro sia di Monreale che di Cefalù , che preservano le componenti architettoniche e decorative originali e che, proprio perché oggetto di particolari attenzioni, si presentano in un buono stato di conservazione.

L’UNESCO non solo li inserì nella World Heritage List, ma sollecitò le istituzioni sulla loro conservazione e fruibilità. Ma si guarda con attenzione agli altri monumenti che ambiscono ad essere inseriti nel sito seriale, se ce ne fossero le condizioni. E così anche altri monumenti che magari nel corso dei secoli hanno perso elementi di originalità (la Cuba Soprana e la piccola Cuba di Villa Napoli; la cappella di Santa Maria l’Incoronata; la chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi; la chiesa di Santo Spirito, Santa Caterina la Vetere, i qanat e i bagni di Cefalà Diana). Il primo monumento su cui si posano gli occhi è proprio il Castello a Mare: con gli interventi necessari, avrebbe tutto il diritto ad entrare nella lista.

Al seminario – dopo i saluti istituzionali del sindaco, Leoluca Orlando, nella sua qualità di presidente del Comitato di Pilotaggio, e di Vincenzo Leone, vice Governatore dei Lions Distretto 108Yb Sicilia, che collaborano all’organizzazione del seminario – interverranno: Maria Andaloro (università delle Tuscia), Maurizio Carta (università di Palermo), la sovrintendente Lina Bellanca, l’assessore comunale alla Cultura, Andrea Cusumano; Maria Elena Volpes, dirigente Generale dell’assessorato regionale ai Beni Culturali; l’ex sovrintendente Giuseppe Lo Iacono, Patrizia Monterosso, a capo della Fondazione Federico II, Francesca Spatafora, direttore del Polo archeologico di Palermo.

Parteciperanno: Giuseppe Barbera (università di Palermo), padre Giuseppe Bucaro, direzione dei Beni Culturali della Curia,  Adriana Chirco di Italia Nostra, Renato Coroneo, segretario generale AdSP, Giuseppe Ingrassia (università di Palermo), Renata Prescia di Salvare Palermo,  Licia Romano (comune di Palermo), Sebastiano Tusa, sovrintendente del Mare e Gianfranco Zanna, Legambiente.

Coordinano il seminario, Aurelio Angelini, direttore della Fondazione UNESCO Sicilia e Francesco  Montemagno, delegato Lions del Governatore

Scadrà il prossimo 15 aprile, il secondo contest “Immaginario Arabo Normanno”, poi il giudizio passerà al popolo del web, che dovrà votare gli elaborati giunti. Si potrà scegliere liberamente sia il soggetto che il mezzo: dalle cupole di San Giovanni degli Eremiti ai giardini della Zisa; su foto, video, elaborati grafici. Spazio alla fantasia e non è detto che vinca il soggetto più bello o il disegno perfetto: ci sarà spazio per la fantasia, la creatività, l’innovazione.

Per partecipare, basta accedere a http://arabonormannaunesco.it/2018/03/04/concorso-immaginario-arabo-normanno-un-patrimonio-storie-sogni-idee-edizione-2018/. Scaricare il bando di partecipazione e divertirsi. Il web sceglierà 50 opere: 20 fotografie, 10 video, 20 “creazioni” (pittura, disegno, interpretazione grafica inedita, ma anche altre forme artistiche). Tra queste 50 opere, una giuria di qualità (che sarà nominata dopo la scadenza dei termini di presentazione), selezionerà un vincitore per ciascuna delle tre categorie. È previsto un premio speciale “Community Unesco” rivolto alle scuole (di ogni ordine e grado), all’Accademia di Belle Arti, agli allievi del Conservatorio, agli universitari; ma anche alle scuole di danza e di musica, e alle associazioni culturali.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.