A Palermo la seconda edizione di BAM: l'arte oltre ogni confine | VIDEO Interviste :ilSicilia.it
Palermo

dal 6 novembre all'8 dicembre

A Palermo la seconda edizione di BAM: l’arte oltre ogni confine | VIDEO Interviste

di
5 Novembre 2019

Guarda le video interviste in alto 

La Biennale Arcipelago MediterraneoBAM, dopo il debutto del 2017, torna in un’edizione ancora più ricca e internazionale, con un’offerta culturale che spazierà in diversi ambiti coinvolgendo spazi dedicati all’arte, con un core program a cura della Fondazione Merz e European Alternatives.

Andrea Cusumano
Andrea Cusumano

La biennale, che aprirà i battenti il 6 novembre e si prolungherà fino all’8 dicembre, ha scelto come  tema della seconda edizione, come sottolinea nella video intervista Andrea Cusumano, direttore artistico, ÜberMauer, OltreUomo, neologismo che in realtà non esiste nella lingua tedesca ma che vuole sottolineare il superamento del muro, inteso come confine, come limite in generale.

BAM, festival di teatro, musica e arti visive è dedicato ai popoli e alle culture dei Paesi che si affacciano sul mare, incentrato sulle tematiche dell’accoglienza e del dialogo e, nel suo essere “evento diffuso“, all’insegna della contaminazione, coinvolgerà diverse sedi della città.

Sono 18 gli artisti internazionali portati dalla Fondazione Merz che hanno elaborato progetti site-specific tra cui Alfredo Jaar, Shilpa Gupta (con l’installazione che si vede nel video servizio), Damián Ortega, Claire Fontaine e Francesco Arena, che occuperanno una decina di spazi pubblici, non necessariamente legati al mondo dell’arte.

Loro stessi, poi, verranno affiancati dagli artisti locali che, per l’occasione, apriranno i loro studi per dibattiti e incontri.

Lorenzo Marsili
Lorenzo Marsili

European Alternatives e Transeuropa Festival, curato da Lorenzo Marsili, che ha portato il festival, per la prima volta in Italia, proprio a Palermo a riconoscimento dell’impegno della città sui temi dell’accoglienza e del dialogo, proporranno, tra i diversi appuntamenti, una mostra multimediale di Jonas Staal (al Teatro Garibaldi) e uno spettacolo di teatro sociale del drammaturgo tedesco Milo Rau, con il live-actIl Nuovo Vangelo“.

La manifestazione, prima biennale di arti nata a Palermo, vuole essere, e sembra esserlo dai presupposti, testimonianza di quanto seminato lo scorso anno, in cui la città è stata Capitale Italiana della Cultura, confermando il suo ruolo discriminante, socio-culturale, quale centro del Mediterraneo, sottolineando come l’arte sia strumento efficacissimo nel connettere luoghi e civiltà diverse nelle dimensioni di passato, presente e futuro, in prospettiva di un cambiamento graduale di visione collettiva.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.