16 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.13

mercoledì 20 marzo

A Palermo l’assemblea regionale di Confcooperative: “Voglio restare in Sicilia”

18 Marzo 2019

Voglio restare in Sicilia: la forza e le idee delle cooperative“. Questo il tema centrale dell’assemblea Regionale di Confcooperative in programma a Palermo mercoledì 20 marzo a partire dalle ore 10 presso l’hotel San Paolo Palace. Un tema attuale che non si esaurisce con l’incontro di mercoledì ma che, invece, pone le basi per un’azione di lungo periodo che guarda al futuro e alle nuove generazioni.

Perché adesso, più che mai, occorre mettere in campo proposte, progetti, collaborazioni e scambi di idee capaci di disegnare un destino diverso per le nostre comunità: ancora ricche di potenzialità e consapevoli di aver perso in passato importanti opportunità.

La Sicilia è bellissima, ricca di storia, cultura, tradizioni. E dispone di un patrimonio agroalimentare di grande qualità sul quale è costruita un’offerta enogastronomica apprezzata nel mondo. Sono punti di forza sui quali lavorare nel contesto di una precisa strategia. Confcooperative Sicilia contribuisce alle produzioni siciliane con numeri significativi: sono, infatti, 2370 le cooperative aderenti, 66.924 i soci, 24.993 i lavoratori e 107 milioni di fatturato. Una grande forza che segna un tracciato importante e che vuole contribuire al riscatto che questa terra merita“, dice il presidente regionale di Confcooperative, Gaetano Mancini presentando l’appuntamento con l’assemblea.

Dunque occorre soffermarsi su ciò che effettivamente si può fare e su cosa possono impegnarsi le cooperative per le attuali e le prossime generazioni, partendo dalle proprie vocazioni e declinandole in chiave moderna: dall’agricoltura al turismo, dalla logistica ai servizi sanitari, al solo scopo di andare sempre incontro alle esigenze dei cittadini che necessitano di servizi efficienti e di qualità.

Proveremo a declinare questi argomenti nel corso dell’assemblea con testimonianze e contributi dei cooperatori, che intendono mettere in campo le proprie idee e le proprie opinioni. Per facilitare questo percorso l’assemblea promuoverà diversi gruppi di lavoro tematici, che continueranno ad operare anche dopo la sua conclusione per costruire risposte efficaci nell’ottica di una visione di futuro che offra ai giovani alternative possibili alla scelta di andare via dalla Sicilia. E su questo obiettivo è necessaria la più ampia condivisione della classe dirigente siciliana e uno sforzo congiunto per creare ricchezza e lavoro per i Siciliani“, conclude il presidente Mancini.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.