19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37
Palermo

Appuntamento sabato 20 ottobre

A Palermo l’inaugurazione della mostra collettiva “Epiphany” a cura di Rosa Cascone

17 Ottobre 2018

Sabato 20 ottobre a Palermo, Capitale Italiana della Cultura 2018, nella chiesa di Sant’Andrea degli Aromatari, in piazza Sant’Andrea 4, alle ore 18:30 inaugura la mostra Epiphany, a cura di Rosa Cascone e in collaborazione con lo studio legale Negri-Clementi.

In questa sede, riaperta per la prima volta per la collettiva, sono esposte le opere site specific di varie misure e supporti che dialogano armonicamente tra loro.

Ogni artista si cimenta con la sua materia di studio e di ricerca: Giulia Roncucci porta un progetto video sul tema del sacrificio, Chiara Tubia per il tema dei misteri realizza un’opera di tessitura riprendendo l’arte del pizzo e si esibisce in una performance il giorno dell’inaugurazione; Lara Verena Bellenghi affronta il tema della promessa con la delicatezza delle polveri, Jokhio Mahbub con il tema della testimonianza porta un’istallazione fotografica, Ignazio Mortellaro si confronta con il tema del trapasso relazionandosi con il mondo vegetale, Daniela Pellegrini sperimenta diverse tecniche con il tema del prescelto e Barbara Uccelli rielabora con un trittico il tema della consunzione della materia. A loro, si affianca Edoardo Dionea Cicconi con un’opera che parte da una ricerca dalla geometria all’eternità. Infine, è presente in mostra uno speciale lavoro di Desideria Burgio portato avanti durante la residenza alla Fondazione Piccolo di Calanovella.

Per tutto il periodo di apertura della mostra ci saranno eventi con cadenza settimanale in cui i temi sviluppati verranno approfonditi da azioni performative degli artisti. Il programma completo sarà pubblicato sul sito.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.