22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47

Assenti i principali Capi di Stato, restano i disagi per i cittadini

L’inutile vertice sulla Libia orfano dei potenti | Video editoriale

12 Novembre 2018

 

Guarda il video editoriale in alto

Oggi e domani a Palermo c’è questa conferenza internazionale sulla Libia. Nel video editoriale in alto parliamo della sua inutilità: infatti, nel capoluogo siciliano non sono presenti né il presidente Russo Vladimir Putin e nemmeno quello Usa Donald Trump. Il generale Haftar, che è uno dei principali contendenti, potrebbe venire a Palermo ma partecipare solo a incontri separati a margine del summit e, dunque, ci si domanda a che scopo sia stato organizzato questo vertice che ha il sapore di una mera passerella internazionale.

Su tutte il dato che l’Italia ha oggi, comunque, la possibilità di contare sullo scacchiere internazionale e di tornare ad avere voce in capitolo. Ma sulla Libia occorre non sottovalutare il ruolo di Saif al-Islam Gheddafi, figlio del presidente Libico assassinato a seguito dell’attacco occidentale al Paese africano. Di lui non si sa dove sia, anche se l’autorevolezza di cui gode, non soltanto nazionale ma anche internazionale, suggerirebbe un suo ritorno sulla scena libica non da comparsa, come anche giustamente sottolineato di recente dal Corriere della Sera e dall’Huffington Post. E l’Italia potrebbe oggi farsi anche “sponsor” di un suo ritorno in grande stile.

Comunque sia, l’inutile conferenza sulla Libia alcuni effetti li ha già ottenuti: la rivoluzione del traffico veicolare a Palermo e una città blindata con tantissime strade interdette alla circolazione e disagi per tutti. Peraltro, nemmeno giustificati dalla consolazione di aver ospitato un vertice determinante per gli assetti libici.

Guarda il video editoriale in alto

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.