A Palermo si manifesta a favore del popolo armeno, per la Pace nell’Artsakh :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Venerdì 30 ottobre

A Palermo si manifesta a favore del popolo armeno, per la Pace nell’Artsakh

di
29 Ottobre 2020

Oggi il consiglio comunale ha approvato Ordine del Giorno per la Pace in quelle zone. Venerdì 30 ottobre alle 17.30, di fronte al teatro Politeama di Palermo, si terrà una manifestazione a favore del Popolo Armeno, in questo momento bersagliato dagli azeri nella Repubblica di Artsakh Dal 27 settembre l’Azerbaigian ha sferrato con il supporto logistico e militare della Turchia e di jihadisti mercenari arruolati da Ankara un attacco armato senza precedenti alla repubblica dell’Artsakh, Nagorno Karabakh, e all’Armenia, scatenando contemporaneamente una spregiudicata campagna di disinformazione in tutto il mondo.

Durissimi combattimenti sono in corso lungo l’intera linea di contatto e si registrano pesanti bombardamenti indiscriminati sugli insediamenti civili da parte azera, incluso il capoluogo Stepanakert, anche con l’utilizzo di bombe a grappolo. E ciò in flagrante violazione del diritto internazionale ed in tempo di pandemia mondiale. Un crimine di guerra con conseguenze di una catastrofe umanitaria. Il popolo armeno, oltre alla minaccia militare, vede ancora una volta a repentaglio la propria esistenza.

Alessandro Anello e Igor Gelarda

L’iniziativa è organizzata dalla comunità armena di Sicilia con la sua portavoce Inga Scibilia in collaborazione con Unione degli Armeni d’Italia e la Direzione dell’Unione Talenti Armeni d’Italia. persecuzione delle minoranze cristiane in quelle zone e la fine delle ostilità.

Alla manifestazione, che si terrà informa statica nel pieno rispetto dell’ultimo Dpcm, hanno aderito anche la Lega e Fratelli d’Italia. Nel frattempo oggi pomeriggio il consiglio comunale di Palermo ha approvato all’unanimità di tutti i gruppi politici un ordine del Giorno, che vede Igor Gelarda primo firmatario, dove si chiede il riconoscimento Ufficiale della , lo stop alla persecuzione delle minoranze cristiane in quelle zone e la fine delle ostilità.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti