A Palermo si ricordano le vittime della Strage del pane :ilSicilia.it
Palermo

SABATO 19 OTTOBRE

A Palermo si ricordano le vittime della Strage del pane

17 Ottobre 2019

Il “Comitato Vespro 2019” organizza una manifestazione sabato 19 ottobre alle ore 16.30 davanti a Palazzo Comitini a Palermo, per ricordare le vittime della Strage del pane, avvenuta il 19 ottobre 1944.

Nel comunicato di presentazione si ricordano le varie fasi di quel tragico evento: “intorno a mezzogiorno, una folla di palermitani disperati si raccoglie a piazza Pretoria e si mette in marcia verso la sede della prefettura, alloggiata al Palazzo Comitini di via Maqueda. Si forma un irrequieto corteo di lavoratori, studenti, disoccupati, senzacasa, esasperati da quattro anni di guerra, impoveriti dalla crisi economica, rovinati dai bombardamenti angloamericani; quella folla chiede pane, casa, lavoro. Dalle stanze di Palazzo Comitini il viceprefetto telefona alla caserma Scianna per chiedere aiuto all’Esercito“.

Prontamente, dalla caserma parte un plotone della divisione Sabauda, forte di 50 soldati armati di bombe a mano e fucili mitragliatori. Il comandante del plotone, Giuseppe Castellano, prima di raggiungere la via Maqueda fa una breve sosta in Questura, verosimilmente per chiedere istruzioni al governo italiano; presidente del Consiglio e Ministro degli Interni ad interim è Ivanoe Bonomi, affiancato da ministri del calibro di Alcide De Gasperi, Palmiro Togliatti, Benedetto Croce. Ricevute le istruzioni dal governo “democratico”, il plotone si precipita in via Maqueda, carica il corteo e in pochi minuti compie la prima e la più orrenda strage nella storia dell’Italia “liberata”; rimangono uccisi 24 palermitani, tra cui due donne e 15 ragazzi, oltre a 158 feriti molti dei quali moriranno nei giorni successivi“.

La “Strage del Pane” si spiega con l’ostilità del governo verso il movimento indipendentista, che a quei tempi si batteva con forza per la separazione dall’Italia e che (guarda caso!) proprio nel giorno della strage celebrava a Taormina il suo primo Congresso. Due anni dopo la strage, nel 1946, un tribunale militare di Taranto proscioglie tutti i responsabili materiali dell’eccidio; sui mandanti politici nemmeno una parola, mentre si addossa ogni colpa sui separatisti siciliani“.

“Oggi, ad eccezione di una lapide collocata solo qualche anno fa, di quella strage non c’è più traccia né sui libri di scuola, né nella memoria dei siciliani. Lo Stato italiano, mentre chiama ripetutamente i siciliani a ricordare la morte di “uomini illustri”, fa di tutto per far calare l’oblio sulle stragi popolari di cui è stato l’artefice. Il Comitato “Vespro 2019” organizza un presidio sotto Palazzo Comitini, per non dimenticare la “Strage del Pane” ma anche per sottolineare che gli attacchi al popolo siciliano non si sono fermati e continuano a colpire i giovani che non trovano lavoro nella propria terra, i tanti lavoratori condannati alla miseria e alla fame, le migliaia di persone uccise dalle emissioni tossiche di fabbriche, discariche e antenne militari”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.