A Palermo torna a splendere la Fontana del Genio di piazza Rivoluzione | Video servizio :ilSicilia.it
Palermo

Restaurata grazie ad "Opera tua" di Coop Alleanza 3.0

A Palermo torna a splendere la Fontana del Genio di piazza Rivoluzione | Video servizio

di
18 Aprile 2019

Guarda il video servizio in alto

È stata riconsegnata alla città la Fontana del Genio di piazza Rivoluzione, dopo un restauro durato tre mesi e finanziato da “Opera tua“, progetto promosso da Coop Alleanza 3.0, finanziato dai soci della Cooperativa e patrocinato dal Comune di Palermo.

Il progetto, avviato in undici regioni d’Italia, mira al recupero di opere scelte dagli utenti: nel 2017 la Fontana del Genio è stata l’opera più votata dai soci nella tappa dedicata alla Sicilia, con il 66% dei votanti che l’ha preferita al restauro della carrozzeria della Berlina Biscari di Catania.

inaugurazione restauro Fontana del Genio

Per il 2018 l’investimento di Coop Alleanza 3.0 per il recupero delle opere ammonta a 150 mila euro; le opere da restaurare sono state scelte con Fondaco Italia, società attiva nella valorizzazione dei beni culturali, in collaborazione con le istituzioni territoriali. “Opera tua” ha potuto contare sulla collaborazione anche dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco.

La Fontana del Genio, anche nota come Genio del Molo, venne trasferita al piano della Ferravecchi, al centro di un mercato, e da qui rimossa dai Borbone nel 1852 che la collocarono in un magazzino dello Spasimo. Con l’arrivo di Garibaldi i palermitani andarono a riprendersi il loro nume tutelare e lo riposero nel luogo dove si trovava ribattezzandolo Piazza della rivoluzione. Il genio si erge sopra una simbolica montagna, facilmente riconducibile a Monte Pellegrino.

Enrico Bressan
Enrico Bressan

Dal Friuli alla Sicilia, il nostro vuole essere un segnale concreto di rinascita – ci ha detto Enrico Bressan, presidente Fondaco Italia – Spero che la città accolga questa iniziativa con grande favore. Abbiamo visto, durante il restauro, la partecipazione delle persone che so trovavano a passare dalla piazza e questo per noi è un segno importante“.

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti, oltre ad Enrico Bressan, Antonella Chiazza, docente, Mario Massimo Cherido, amministratore unico Lares, il sindaco Leoluca Orlando e Giovanni Pagano, coordinatore area Sud Distretto Politiche Sociali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.