15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Palermo

La 67esima edizione della Campionaria

A Palermo torna la “Fiera del Mediterraneo” con seicento espositori

24 Maggio 2018

Tutto pronto per la nuova edizione, la 67esima, della Fiera Campionaria di Palermo.  Solo dopo la Fiera di Bari, per spazi espositivi e numero di visitatori, la Fiera del Mediterraneo si trova al secondo posto nella lista delle più grandi Fiere italiane. E anno dopo anno, si vedono e si apprezzano i risultati di un percorso di recupero e di rinascita che ha tutta l’intenzione di riportare la Fiera di Palermo agli antichi splendori. Sono, ad oggi, 70 mila i metri quadrati del polo fieristico, ristrutturati e restituiti alla città. I due terzi della Fiera oggi sono utilizzabili e fruibili. Manca solo una piccola parte che completerà il recupero dell’intera struttura.

La Fiera aprirà i battenti sabato 26 maggio e rimarrà aperta al pubblico per 16 giorni, fino a domenica 10 giugno.

Una Fiera più grande e più ricca, quella che sarà inaugurata sabato 26 maggio alle ore 17 all’ingresso di via Sadat (lato via Montepellegrino).

Tutti i dettagli oggi sono stati presentati in conferenza stampa a Palazzo delle Aquile, alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, Massimiliano e Giuseppe Mazzara e Leonardo Peduzzi, di Medifiere e dell’assessore comunale alle Attività Produttive Sergio Marino. Quattro anni fa, è iniziato un percorso di rinascita che continua ancora oggi, un meccanismo virtuoso tra Comune e imprenditori privati. “E’ tornata la Fiera del Mediterraneo – ha dichiarato il sindaco Orlando – un appuntamento importante per lo sviluppo economico e commerciale della nostra città, aperta anche ad altri mercati. Questo è motivo di soddisfazione ed è un’altra conferma del cambiamento di questa città in questi anni”.

E all’allestimento della Fiera Campionaria, per il quarto anno consecutivo, ha lavorato Medifiere, imprenditori siciliani, di Trapani, che hanno investito e creduto per primi nel recupero della Fiera del Mediterraneo. “La Fiera dà un impulso importante all’economia della nostra isola – spiegano Giuseppe e Massimiliano Mazzara e Leonardo Peduzzi di Medifiere – e la possibilità per tante aziende del territorio di confrontarsi con altre realtà. La Fiera del Mediterraneo fa parte della nostra storia e della nostra cultura E non va sottovalutato anche il grande volàno economico che rappresenta per tutti, per noi imprenditori che investiamo le nostre risorse, per le tante manovalanze e per tutte le aziende che possono far conoscere i loro brand e aumentare i propri fatturati”.

Dai 400 espositori dei primi anni, il numero degli standisti quest’anno è salito a più di 600. Tante le maestranze locali all’opera, 200 solo di Medifiere e 4.000 delle aziende partecipanti. Da duecentomila visitatori, nell’ultimo anno sono state registrate più di 300 mila presenze. E quest’anno l’obiettivo è quello di raggiungere il numero di 500 mila visitatori.

E anche quest’anno la Fiera Campionaria diventa punto di incontro e di interesse commerciale per gli espositori provenienti da tutta Europa. Nell’ampia area (ex Luna Park) sarà allestito il “Villaggio dello shopping” con un percorso guidato che darà la possibilità al pubblico di visitare e non perdersi ogni singolo stand. L’area dedicata al cibo quest’anno sarà allestita, a differenza degli altri anni, nella parte centrale e più alta della Fiera. Non mancherà certo il cibo da strada nostrano ma si potranno anche gustare piatti tipici di altre regioni e cibo straniero. Tre padiglioni saranno dedicati all’arredo interno e ai complementi, uno all’arredo esterno e ancora padiglioni con automobili, barche, macchine industriali  e tanto altro. Un’ampia area sarà dedicata agli operatori dell’hobbistica e delle arti. Un padiglione ancora per gli sposi e un inedito “Madonie expo” presenterà le eccellenze e i prodotti tipici madoniti legati al mondo dell’artigianato e dell’enogastronomia.

Spazio anche per i bambini con giochi e laboratori artigianali e ludico-creativi che permetteranno ai più piccoli di interagire e socializzare tra loro e alle associazioni che presenteranno le loro attività e i loro progetti sociali.

E spazio all’arte in ogni forma con Artemed. “Anche noi quest’anno vogliamo dare il nostro contributo a Palermo capitale della cultura  – spiega Angela Sclafani di Artemed -dando la possibilità a tutti gli artisti di avere uno spazio gratuito dove poter esibirsi in estemporanee e mostrare la propria arte. Invitiamo gli artisti: pittori, scultori, artigiani, artisti di strada, tutti, ad unirsi agli altri espositori sarà una grande festa dell’arte”. Gli artisti che vorranno partecipare potranno inviare una mail ad artemed2015@gmail.com oppure recarsi presso gli uffici della direzione all’interno della Fiera del Mediterraneo.

Tanti gli eventi collaterali all’interno della Fiera: sfilate di moda, momenti di intrattenimento e musica live tutte le sere. Tre i palchi allestiti, in punti diversi della Fiera e spettacoli gratuiti per tutti i visitatori nelle ore pomeridiane e serali. Nel ricco calendario degli appuntamenti, stilato da Sasà Taibi di Radio Tivù Azzurra, i nomi di tanti artisti e band locali. Tutte le sere, a partire dalle ore 21 fino a mezzanotte, un gruppo musicale diverso salirà sul palco della regia mobile di Rta, media partner esclusiva anche quest’anno della Fiera Campionaria del Mediterraneo.

La Fiera sarà aperta tutti i giorni dalle 16 alle 24. Tutte le domeniche e il 2 giugno (festivo) dalle ore 10 alle 24. Biglietto intero € 2,50, biglietto promozionale € 0,50, biglietto ridotto € 1,50 (bambini da 7 a 14 anni), ingresso gratuito bambini da 0 a 6 anni. Ingresso gratuito dal lunedì al venerdì dalle ore 16 alle 19. Convenzione parcheggi: Medifiere e i suoi partners offrono una convenzione che garantisce speciali agevolazioni per l’area parking sito in via Mariano D’Amelio 9.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.