A Palermo un workshop gratuito dedicato all'aggiornamento professionale su privacy e digitalizzazione :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento giovedì 27 settembre

A Palermo un workshop gratuito dedicato all’aggiornamento professionale su privacy e digitalizzazione

26 Settembre 2018

Un workshop territoriale dedicato all’aggiornamento professionale su privacy e digitalizzazione, gratuito, organizzato da Anorc Professioni, con la partecipazione di numerosi esperti del settore si svolgerà giovedì 27 dalle 9, 30 alle 13,30 nella sede di Confcommercio Palermo (via E. Amari, 11 – 9° piano).

workshop-privacyAd aprire i lavori sarà l’avvocato Andrea Lisi, presidente di Anorc professioni, sono previsti gli interventi di Aldo Bertuglia, vicepresidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo, dell’avvocato Alessandro Dagnino, presidente Unione Liberi Professionisti Confcommercio Palermo, di Patrizia Di Dio, presidente Confcommercio Palermo, di Francesco Greco, presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Palermo.

Durante la mattinata interverranno sulla digitalizzazione Rosario Alagna, Luigi Calò, Angelo Cavallaro, Stefano Centineo, Rosario Farina, e sulla privacy Davide Maniscalco.

Anorc Professioni è un’associazione professionale, indipendente e senza scopo di lucro, nata con l’obiettivo di rappresentare i professionisti della digitalizzazione e della privacy, figure ormai necessarie in ogni moderna organizzazione, sia pubblica che privata. Anorc Professioni identifica questi professionisti e le loro competenze attraverso l’iscrizione a un elenco nazionale, in ottemperanza a quanto stabilito dalla Legge del 14 gennaio 2013 n. 4 sulle professioni non organizzate in ordini o collegi.

L’evento riconosce 4 ore formative per gli iscritti agli elenchi di Anorc Professioni ed è patrocinato e accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Palermo (2 crediti) e patrocinato dall’Ordine degli Ingegneri di Palermo.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona