A Piano Battaglia è tutto fermo e i lavoratori sono in mobilità. Culotta (Pd): "La burocrazia frena il rilancio" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Secondo Simona Vicari (Ncd) non c'è grave ritardo sulle procedure che dovrebbero concludersi in settimana

A Piano Battaglia è tutto fermo, i lavoratori sono in mobilità. Culotta (Pd): “La burocrazia frena il rilancio”

di
7 Febbraio 2017

La società che gestisce gli impianti sciistici di Piano Battaglia, fermi per ritardi burocratici, ha avviato le procedure per la messa in mobilità dei propri dipendenti. I lavoratori erano stati assunti con contratti stagionali in vista dell’avvio della seggiovia e dello skilift, da poco inaugurati dopo un fermo di oltre otto anni. Da almeno tre mesi si attende l’autorizzazione da parte dell’Ustif, l’ufficio incaricato della verifica della regolarità dei lavori e della sicurezza degli impianti. Tutti i pareri sono stati favorevoli dopo i chiarimenti e le integrazioni fornite dalla società Piano Battaglia srl e il collaudo dei sistemi di risalita. Ma il visto non è arrivato in tempo e per questo l’inaugurazione del servizio, previsto per domani, è stata rinviata.

magdaculottaLa società ha quindi deciso di sospendere l’attività e di mettere i dipendenti in mobilità.Dal momento – scrive l’azienda in una nota – che a tutt’oggi non sussiste alcuna certezza in ordine alla definizione delle procedure amministrative, la Piano Battaglia srl non può continuare a sostenere i costi aziendali senza una reale prospettiva di rientro dei capitali investiti a cui deve, purtroppo, aggiungersi il mancato guadagno derivante dai ritardi maturati nell’iter burocratico che hanno ostacolato oltremodo l’avvio della gestione nella difficile fase della start up“. Sulla vicenda sono intervenute il sottosegretario ai trasporti, Simona Vicari di Ncd, e il sindaco di Pollina Magda Culotta. Simona Vicari ha detto che le procedure non hanno avuto gravi ritardi e che dovrebbero concludersi in settimana. Critica invece Magda Culotta: “La burocrazia continua a frenare la stagione del rilancio di Piano Battaglia, l’unica stazione sciistica della Sicilia Occidentale”. 

Il deputato del Partito democratico commenta la situazione degli impianti di risalita della Mufara, che si pensava di inaugurare l’8 febbraio ma che tarderà ad arrivare. “Ho avviato una interlocuzione con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e con gli uffici di Napoli per velocizzare l’arrivo di tutti i documenti necessari per far ripartire gli impianti di risalita nel più breve tempo possibile. Voglio tranquillizzare gli imprenditori madoniti – conclude il sindaco Magda Culotta – affermando che la ‘macchina’ si è mossa e a giorni, dopo avere sentito gli uffici competenti, posso assicurare che i documenti arriveranno per consentire la riapertura”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin