15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Messina

Quello che va fatto adesso è continuare nella mobilitazione collettiva delle forze vive della città

A proposito delle dichiarazioni di De Vincenti sul Ponte

24 Aprile 2017

 

Ma a che gioco stanno giocando? Continuano a fioccare le dichiarazioni contraddittorie del Governo sul tema del Ponte sullo Stretto.

Cerchiamo di ricordare. Ottobre 2016, Delrio fa eco al Premier Renzi, dichiarando in una intervista al Corriere della Sera: Lo Stato è pronto a mettere soldi pubblici” per la realizzazione dell’opera, “non è una cattedrale nel deserto.” Progetto inquadrato all’interno del corridoio europeo Napoli-Palermo.

A proposito delle dichiarazioni di De Vincenti sul Ponte
Graziano Delrio

Ma è quello stesso Ministro che invece a fine marzo, a Messina, dice che “la concessione del Ponte è stata caducata”. Cioè interrotta, fatta cadere, scrivendo la parola “fine” sulla realizzazione dell’opera. Risultando ai più incomprensibile cosa sia potuto mutare da ottobre 2016 a marzo 2017.

Ma non solo questo, Delrio completa il suo ragionamento dichiarando che “ci siamo soffermati sul ponte ma ci siamo dimenticati di considerare che bisogna prima programmare l’alta velocità tra Roma e Reggio Calabria”.

Qualche giorno dopo il Ministro Alfano, fa una dichiarazione di segno opposto e definisce il Ponte “opera prioritaria”. Il primo aprile, anche il Ministro Franceschini dichiara alla stampa: “L’alta velocità deve arrivare a Catania e Palermo e per questo si deve fare il Ponte sullo Stretto”.

Ma non più di dieci giorni dopo il Consiglio dei Ministri approva il Documento Economico Finanziario, nel cui “Allegato Infrastrutture” si può leggere che sull’attraversamento dello Stretto si ritorna al “progetto di fattibilità finalizzato a verificare le varie opzioni di attraversamento stabili e non stabili”. E per l’alta velocità sotto Salerno, si è ancora allo studio di fattibilità, ed i progetti esistenti prevedono solo la velocizzazione di alcune tratte.

A proposito delle dichiarazioni di De Vincenti sul Ponte
Il ministro Claudio De Vincenti

Ma il balletto non finisce qui. Un altro componente del Governo Gentiloni il ministro per la Coesione territoriale Claudio De Vincenti, sabato in Sicilia, dichiara: “Quello che sicuramente si deve fare è una velocizzazione infrastrutturale del passaggio tra Calabria e Sicilia. E fin qui l’ipotesi più sviluppata, anche progettualmente, è quella del Ponte di Messina”.

“Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia”, scriveva William Shakespeare nell’Amleto. E noi confessiamo di avere la stessa incapacità di orientarci appresso a questa congerie di posizioni contraddittorie, spesso incoerenti, espresse da autorevoli componenti del Governo, sull’argomento Ponte. E forse non ne abbiamo neanche più voglia.

Quello che va fatto adesso è continuare nella mobilitazione collettiva delle forze vive della città per la difesa del proprio diritto allo sviluppo, mortificato dalle scelte del Governo sulle infrastrutture strategiche. Se secondo lo Svimez al ritmo attuale degli investimenti sulle infrastrutture, al Sud serviranno altri quattrocento anni per riallinearsi con il Nord Italia, noi non possiamo/vogliamo attendere neanche un giorno in più. È giunto il momento di pretendere a voce alta le stesse condizioni infrastrutturali presenti nel resto d’Italia.

“Su chi contiamo ancora? Siamo dei sopravvissuti, respinti via dalla corrente? Resteremo indietro, senza comprendere più nessuno e da nessuno compresi? O dobbiamo sperare soltanto in un colpo di fortuna? Questo tu chiedi. Ma non aspettarti nessuna risposta che non sia la tua.” (Bertolt Brecht)

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.