A quattordici anni dalla morte di Attilio Manca ancora nessuna verità :ilSicilia.it
Messina

Ucciso, probabilmente, per coprire l'intervento medico di Provenzano a Marsiglia

A quattordici anni dalla morte di Attilio Manca ancora nessuna verità

di
8 Febbraio 2018

Domenica 11 febbraio alle 16 a Barcellona Pozzo di Gotto, presso la sala conferenze Parco Urbano Maggiore Giuseppe La Rosa (sala ex stazione FF. SS. via Salvatore Cattafi 52), l’ANAAM, Associazione Nazionale Amici Attilio Manca, in occasione del 14esimo anniversario della sua morte, lo ricorderà attraverso un incontro-dibattito sul suo omicidio dal titolo ”La dignità di Attilio Manca calpestata dal tiranno e dall’ignoranza”.

Durante l’incontro interverranno: Carolina Orlandi (figlia della vedova di David Rossi); gli avv.ti Antonio Ingroia e Fabio Repici (legali della famiglia Manca); Giulia Sarti (commissione parlamentare antimafia); Carlo Mercadante (cantautore); Oriana Civile (interprete della tradizione musicale siciliana che per l’occasione presenterà in anteprima la sua canzone ”Attilio manca”); Lorenzo Baldo (giornalista e scrittore, autore del libro ”La mafia ordina: Suicidate Attilio Manca”). Coordinerà l’incontro il giornalista scrittore Luciano Armeli Iapichino.

Attilio Manca è stato un medico italiano, presunta vittima di mafia, che fu ritrovato morto nella sua abitazione di Viterbo.

L’autopsia certificò la presenza nel sangue di eroina, alcol etilico e barbiturici. Il caso fu inizialmente ritenuto un’overdose, poi archiviato come suicidio. I genitori si opposero all’archiviazione sostenendo che il figlio fosse stato ucciso per coprire un intervento subito da Bernardo Provenzano a Marsiglia.

Nel gennaio 2005 furono pubblicate le intercettazioni di Francesco Pastoia, che parlava del viaggio di Bernardo Provenzano a Marsiglia nel 2003. Il 28 gennaio 2005 Pastoia fu trovato impiccato nella sua cella. Secondo la successiva inchiesta dei magistrati, Provenzano sarebbe stato operato alla prostata alla clinica “La Ciotat” da un’équipe composta da Philippe Barnaud e dagli specialisti Breton e Bonin.

Durante questo viaggio, secondo la ricostruzione dei genitori di Manca, l’urologo sarebbe entrato in contatto con il capomafia. All’inizio del mese di novembre del 2003, infatti, il medico sarebbe stato a Marsiglia.

Secondo la ricostruzione dei genitori, Manca sarebbe stato contattato dalla mafia di Barcellona Pozzo di Gotto per unirsi all’équipe di Barnaud durante l’intervento a Provenzano. Questa versione, tuttavia, è stata respinta dal procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, secondo il quale il boss corleonese sarebbe del tutto estraneo alla vicenda.

Gli sviluppi più recenti dell’inchiesta, dai contorni ancora incerti, risalgono ad ottobre 2015.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin